Stai in contatto

Arte e artigianato

ARTE E IDENTITA’ / Il mare, la luce, le sete di San Leucio, la storia nei gioielli di Gustavo Renna

Pubblicato

il

collana mia

La botteguccia-atelier a via Morelli, Napoli, è piccola ma ricca di meraviglie. Nei mesi scorsi faceva bella mostra di sè lo straordinario gioiello che vedete nell’immagine in alto: una sorta di comodino della nonna con foto in bianco e nero, tutte di personaggi napoletani e legati alla nostra identità. Cose che non possono lasciarci indifferenti. Così abbiamo deciso di andare più a fondo e scandagliare il lavoro del suo creatore, legato a stretto giro all’identità di Partenope.

Gustavo Renna è più di un gioielliere, molto di più. E’ un artista, un cesellatore, un creatore, un mago delle pietre e dei materiali. Con i gioielli  ha un rapporto atavico, antico. Molte generazioni fa i suoi avi erano incisori della Real Casa Borbonica.

“Discendo – ci racconta – da una famiglia di artigiani da quattro generazioni. La mia attività è iniziata nel 1982 presso l’azienda di famiglia al Borgo Orefici di Napoli. Poi ho fatto un percorso anche di studi, tra arte e oreficeria, che mi ha consentito di creare gioielli tutti originali e tutti legati all’identità. La parola d’ordine nelle mie produzioni è quella, insieme a ricerca e sperimentazione dei materiali. Pezzi unici, perché non amo la serialità. E sempre gioielli, che si devono riconoscere come tali”, racconta.

gustavo renna e figlia

E’ così eccole le sue creazioni. C’è una riproduzione in miniatura della Casina Vanvitelliana del Fusaro, precisissima, che annega in un lago di cristallo e pietra azzurra attorniato da altre pietre preziose. Ci sono riproduzioni di gouaches con il Vesuvio o Palazzo Donn’Anna, a fare bella mostra di sè su anelli, orecchini, ciondoli. C’è la collezione Oplonti, interpretazione personale dell’anello ancestrale,  che associa una pietra, il cristallo di Rocca, alle pregiate sete di San Leucio. “Dall’incontro di questi due elementi nasce un effetto ottico particolare che ricorda quello della rugiada sulla foglia. La luce del cristallo incontra il colore della seta, rendendolo estremamente luminoso, così come la goccia sulla foglia” ci spiega ancora, entusiasta e innamorato com’è del suo lavoro, sotto gli occhi ammirati della figlia, che segue le sorti dell’atelier di via Morelli.

Tecniche sperimentali da una parte e tecniche ormai scomparse che si coniugano per pezzi unici. Come collana e anello con brillantini ovunque, incastonati su legnetti recuperati nel mare. O come le carte da gioco napoletane che si fanno anelli impreziositi da cristalli e colori.

 “Il gioiello deve essere  democratico, utilizzabile, ma deve intrigare, se non intriga, non serve a niente” ci dice ancora, ricordando che uno dei suoi gioielli è finito nella collezione privata di Ranja di Giordania e dei suoi molti clienti americani che amano follemente i suoi lavori.

Lavori dove c’è quasi sempre Napoli e l’identità: le sete di San Leucio, i personaggi da comodino legati alla città, le riproduzioni di opere, ci sono addirittura i panni stesi tipici dei quartieri spagnoli e la prima piantina del golfo riprodotta su un bracciale.

Le creazioni di Gustavo Renna si possono trovare a S. Giorgio a Cremano, Via Pittore 3/5, a Piano di Sorrento, C.so Italia 140, presso Oromare, officina di idee zona industriale S. Provinciale Km 1,750 Marcianise Caserta e ovviamente a Napoli, in via  Domenico Morelli 53. Passateci, anche solo per guardare e soprattutto per conoscerlo. Un artigiano artista innamorato della città e della nostra identità che diffonde arte made in Sud nel mondo.

Lucilla Parlato

Continua a leggere
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.