Stai in contatto

Storia

L’ANNIVERSARIO / 6 agosto 1863: a Pietrarsa i primi morti sul lavoro made in Italy

Pubblicato

il

Il primo maggio del Meridione post unitario fu il 6 agosto 1863 a Pietrarsa, dove persero la vita alcuni operai di cui fu repressa la protesta. Li ricordiamo riproponendo questo articolo che scrisse per noi un paio d’anni fa Clodomiro Ortis del gruppo “La bella Napoli”

Il governo Rattazzi doveva deliberare in materia di politica industriale.
All’epoca erano due gli stabilimenti che offrivano affidabilità: la Ansaldo a Genova e Pietrarsa a San Giorgio a Cremano. Chi delle due industrie doveva essere di Stato? Rattazzi nominò un ingegnere 44enne di Nizza, tale Sebastiano Grandis, molto legato ai Savoia. Fu obiettivo, forse non poteva negare l’evidenza: dopo circa quattro mesi di lavoro dichiarò formalmente due stabilimenti si equivalevano in quanto a forza lavoro e capacità produttive, ma aggiunse, altrettanto obiettivamente, che “la Ansaldo era più adatta alle esigenze del Regno per la maggiore flessibilità in vista di futuri ampliamenti”. Aggiungo che, oltre ad essere al Nord, questa azienda aveva forti legami politici con i Savoia.

Detto fatto, l’impianto napoletano fu subito ritenuto troppo costoso per le casse piemontesi, quindi privatizzato e ceduto in gestione all’imprenditore Jacopo Bozza per 46mila lire annue. Se per i piemontesi era oneroso, figuriamoci per lui… Infatti chiuse immediatamente la scuola di formazione per gli operai, aumentò le ore di lavoro e praticò una riduzione drastica di personale, con la quasi assenza di ammortizzatori sociali, del 50% in tre anni: nel 1863 si passò da 1050 addetti a 458 addetti. Quelli rimasti, poi, erano praticamente sfruttati: pagati poco e con ritardi perenni.

FATTI INEVITABILI – Il 6 agosto 1863 i lavoratori delle Officine si riunirono nel piazzale dell’azienda. Zimmermann, il responsabile amministrativo, chiama la polizia di Portici per un controllo migliore della situazione. Si accorge però che gli animi erano sempre più agitati e chiede alla polizia, arrivata con pochi uomini, ulteriori consistenti rinforzi. Furono allertati i bersaglieri e i carabinieri che arrivarono subito, in gran numero, e attaccarono direttamente, senza preavviso, gli scioperanti a colpi di fucile. Inizia così un fuggi fuggi, con gli operai che cercano di mettersi al riparo inseguiti dai soldati.

Luigi Fabbricini, Aniello Marino, Domenico Del Grosso e Aniello Olivieri rimasero sul selciato e altre decine di lavoratori furono ricoverati all’Ospedale Pellegrini….
L’episodio, oltre al sangue, costò in termini di posti di lavoro: ne furono lasciati a casa altri 262.

Oggi l’Ansaldo detiene appalti dappertutto, persino la Linea 6 della Metropolitana di Napoli è sua. Pietrarsa è un Museo Ferroviario che appartiene alle Ferrovie dello Stato.

Clodomiro Ortis

Continua a leggere
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *