Stai in contatto

Lingua Napoletana

LINGUA NAPOLETANA / L’interprete di dialetto al tribunale di Macerata: intervista con l’avvocato e attore Andrea Di Buono

Pubblicato

il

Ha fatto discutere il caso avvenuto al tribunale Macerata, in occasione di un’udienza del 14 luglio a carico di sei imputati del salernitano, quando la giudice Francesca Preziosi ha ingaggiato, come si legge nella convocazione, come ‘interprete di dialetto napoletano’ l’avvocato e attore Andrea Di Buono, nell’ambito di un processo, la cui prossima udienza si svolgerà il 3 novembre.

La portata della notizia, che potrebbe far pensare a una vittoria per gli attivisti in difesa del napoletano, è stata di volta in volta sminuita, esagerata o fraintesa, a seconda dei fronti, come spesso avviene in Italia per le questioni che riguardano le lingue regionali.

In seguito all’attenzione mediatica su questo evento, che dimostra ancora una volta che le lingue regionali costituiscono un ‘tema caldo’, erano presenti il giorno dell’udienza varie testate locali e le telecamere del Tg5.

È arrivata anche una revisione della notizia diffusa, da parte del tribunale di Macerata stesso, che precisa che non si tratta di traduzione simultanea italiano/napoletano, ma di una traduzione di intercettazioni telefoniche in napoletano stretto, che rientra nelle mansioni del cosiddetto ‘esperto dialettofono’.

L’avvocato Andrea Di Buono ha esposto a noi di Identità Insorgenti le sue considerazioni sulla vicenda: “Il giudice in udienza, vista la folla in aula e l’attenzione del Tg5, mi ha fatto giurare come CTU (consulente tecnico di ufficio) per quanto riguarda la traduzione e trascrizione delle telefonate, riservandosi in caso di necessità la traduzione simultanea in udienza per il 03.11.2017. Il fatto straordinario non è la nomina di un dialettofono, bensì, la nomina dello stesso in un processo nella fase del dibattimento e non in quella delle indagini preliminari, dando così istituzionalizzazione alla lingua napoletana “allo scoperto” e non in fase secretata delle indagini. Esiste già una branca dell’interpretariato, la ‘dialettofonia’. A Macerata mancava il dialettofono, e la giudice ha convocato me per farne le veci.”

Andrea Di Buono si dichiara contento di aver ricevuto questo incarico, per il quale, ribadiamo, ha rifiutato ogni compenso:
“Mi ha permesso di unire la mia professione di avvocato a quella di attore in lingua napoletana, e le ha unite al mio impegno in difesa di quest’ultima. Ho chiuso il cerchio, per così dire. “

Andrea Di Buono fa parte da tre anni della nota compagnia teatrale marchigiana Musicultura, fondata nel 1990 da Piero Cesanelli a Recanati, organizzatrice del festival musicale che dal 2005 si svolge allo Sferisterio di Macerata, dedicato agli aspiranti cantautori di musica popolare e d’autore. Da tre anni la compagnia presenta lo spettacolo ‘Scalinatella, la canzone napoletana dalla villanella al rock blues’.

Spinto dalla grande, se pur controversa eco della vicenda del tribunale di Macerata, Di Buono promette di impegnarsi ulteriormente in difesa della lingua napoletana e in vista di un suo riconoscimento, nonché di una sua normalizzazione e standardizzazione, in un progetto a lungo termine.

Non sarebbe la prima volta che si impegna in favore della lingua napoletana, giacché Di Buono ha partecipato al IV Seminario sull’opera letteraria di Andrea Camilleri, organizzato dalla Universidad de Málaga, con un intervento intitolato ‘Marechiaro incontra il latino’, in cui ha presentato la sua traduzione in latino della canzone Marechiaro.

Teresa Apicella

Continua a leggere
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.