Stai in contatto

Ambiente

MAFIA CAPITALE E TERRA DEI FUOCHI / Gli intrecci tra cupola romana e bonifiche

Pubblicato

il

bonifiche

Nel disastro della terra dei fuochi spuntano collegamenti interessanti – con annesse responsabilità – a Massimo Carminati, il leader incontrastato della mafia romana: uno degli arrestati di “terra di mezzo” è infatti Riccardo Mancini, creatore della Treerre S.p.A., (a tal proposito leggi anche l’approfondimento sulla ex Resit di Giugliano)  l’azienda specializzata nel settore dello smaltimento di rifiuti industriali e delle bonifiche cui era stato appunto affidato il risanamento della terra dei fuochi, uomo a libro paga di Carminati.

Mancini, legato in gioventù agli ambienti di estrema destra capitolina, è stato anche uomo vicino all’ex sindaco Alemanno che infatti nel 2009 gli affidò il vertice di Eur S.p.A.

In realtà Mancini si era visto costretto a lasciare la Treerre in seguito all’arresto per tangenti circa le forniture di autobus al comune di Roma nel 2012, mantenendone però il controllo grazie al figlio Giovanni e ad Emilia Fiorani, ex moglie di Carlo Pucci,  altro uomo di Carminati e anch’egli dirigente di Eur S.p.A.

Quacuno dovrebbe spiagarci  – Angelino Alfano, magari –  come sia possibile che nella liberatoria della Prefettura di Roma, con relative verifiche antimafia, non vi fosse cenno alcuno alla vicenda giudiziaria che aveva coinvolto Mancini per corruzione  solo un anno prima: assurdo, scandaloso o forse semplicemente “italiano” che aziende di imprenditori condannati per tangenti possano aggiudicarsi appalti in gare pubbliche.

Vedramo ora cosa accadrà in tal senso e come si procederà rispetto alle bonifiche che restano una priorità assoluta per gli abitanti delle zone inquinate mentre Governo e Regione non sembrano esser pronti a trasformare l’impegno promesso e sbandierato in mille incontri con cittadini e associazioni ambientaliste in strategie e fatti tangibili.

Floriana Tortora

 

Continua a leggere
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.