Stai in contatto

Beni Culturali

MONUMENTI NEL DEGRADO / A Quarto una tomba romana abbandonata tra la spazzatura

Pubblicato

il

La Fescina di Quarto, paese alle porte di Napoli, è una tomba molto particolare. È un monumento funebre d’epoca romana, che si trova nei pressi di Via Brindisi. Tutta la zona limitrofa è una testimonianza piuttosto estesa delle aree funerarie d’età romana solo che nessuno lo sa e le autorità, ahimè, non pubblicizzano né tanto meno tutelano la zona. La denuncia è di Gino Campolongo, del gruppo Fb “La nuova bella Napoli” molto attento ai beni culturali campani. “In altre zone del mondo basta una pietra di epoca romana per creare un complesso archeologico commerciale – osserva Campolongo. “La forma del monumento è piuttosto strana per una struttura romana e probabilmente si spiega con gli intensi scambi commerciali che allora avvenivano fra l’antica Puteoli e l’Oriente; la sua copertura è a cuspide piramidale, realizzato in opus reticulatum, a due piani e con ingressi ad arco. L’accesso probabilmente in origine avveniva attraverso una scala esterna. All’interno dei vani sono presenti alcune nicchie scavate nella parete e si hanno ancora tracce d’intonaco. Penso che si chiami Fescina – aggiunge Campolongo – perché questo nome veniva anche usato per un attrezzo agricolo atto alla raccolta di uve e frutti; infatti anche questo aveva una forma a cono fatto con listelli di legno sottilissimi intrecciati tra loro … praticamente molto simile alla nostra tomba … solo che lo strumento terminava nella parte superiore con un manico semicircolare in legno per un agevole il trasporto. Questa mia descrizione … più che un racconto … vuole essere una vera e propria denuncia”.
Ecco le foto pubblicate che dimostrano il degrado dell’area:
Continua a leggere
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.