Stai in contatto

Arte e artigianato

MUSEI AL SUD / I più visti del 2014. Bronzi al top, alla faccia di Sgarbi

Pubblicato

il

bronzi riace

Alla faccia di tutti quelli, Sgarbi in primis, che sostenevano lo spostamento dei Bronzi di Riace a Milano, perchè tanto in quel di Reggio nessuno li andava a visitare, secondo quanto riferisce l’agenzia di stampa Askanews, il museo che custodisce i bronzi, nel corso del 2014 ha contribuito all’aumento dei visitatori nelle aree archeologiche meridionali.

La crescita dei visitatori nelle regioni del Sud, dove a un +108,2% di crescita in Calabria, dovuto essenzialmente alla riapertura del Museo Nazionale Archeologico di Reggio Calabria e dei suoi Bronzi di Riace con un aumento del +1.601% di pubblico, si affiancano incrementi a due cifre in Sardegna e Basilicata, dove il pubblico è aumentato rispettivamente del 28,5% e del 14,3% grazie ai buoni risultati del Museo Nazionale Archeologico di Cagliari, che ha visto un aumento del 120% di ingressi, e dell’area archeologica di Tharros a Cabras, con una crescita del +77%, in Sardegna e del Museo Nazionale d’Arte Medievale e Moderna di Matera, dove gli ingressi aumentano del +47%, e del parco archeologico di Metaponto, +26%, in Basilicata. Sempre al Sud, il Museo Archeologico Nazionale di Taranto fa registrare una crescita di pubblico del +87,4%. Importante in termini assoluti anche il risultato della Campania, che nel 2014 ha visto oltre 500.000 visitatori in più affollare i propri musei, pari a un incremento dell’8,4%. Una performance che porta quest’ultima regione a un soffio dal secondo posto tra le regioni con il maggior numero di visitatori nei musei statali: dietro il Lazio, campione indiscusso con quasi 18.390.000 ingressi, rimane infatti ancora la Toscana con soli 16.000 visitatori in più rispetto alla Campania: 6.546.762 contro 6.530.855. (Askanews, Weboggi Catanzaro)

Ed aumenta il cruccio e la rabbia ogni volta che discutibili decisioni, tengono chiusi Musei ed aree archeologiche per mancanza di personale, quando ci sarebbero decine e decine di associazioni di volontari laureati e senza occupazione che potrebbero supplire a certe carenze. Mentre la fila indignata di turisti che non riescono ad entrare ci fa perdere risorse importanti per il territorio, oltre che credibilità. E se abolissimo le Soprintendenze?

E cresce la rabbia anche per la mancanza di reti infrastrutturali in grado di servire un territorio che con le eccellenze enogastronomiche ed archeologiche potrebbe risolvere ogni problema di emigrazione e miseria. Ma tant’è, l’Italia…

Il Lazzaro

Continua a leggere
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *