Stai in contatto

Arte e artigianato

MUSICA E IDENTITA' / Intervista con gli A3 Apulia Project: "Murex, un nuovo album sui sud del mondo"

Pubblicato

il

a3 apulia project

Gli A3 Apulia Project li seguiamo da anni. Da quando ci contattarono – ormai non so piu’ quanti anni fa – raggiungendoci a Napoli dalla Puglia solo ed esclusivamente per farci conoscere la loro musica: bellissima, mediterranea, identitaria. Nostra.

Nati nel 2007, da un’idea del chitarrista e autore Fabio Bagnato, specializzato nello studio e diffusione della chitarra battente, strumento antico appartenente alla tradizione contadina meridionale, si chiamano così per la “Mulopedonale”, l’amata e odiata autostrada A3 Salerno – Reggio Calabria, la quale, per le sue condizioni, può essere di certo presa come simbolo di un Sud invivibile causa mafia e politica, sempre al lavoro per sfruttare un popolo meritevole di miglior sorte. Un nome, dunque, che è un simbolo. A3, dunque: per poter riscattare la parte sana di un Sud in grado di dar voce al cuore, alle anime più profonde e sensibili. “Abbiamo deciso di unire e di fondere la nostra rabbia e i nostri desideri in un sogno musicale carico di energia positiva” spiega Fabio Bagnato. E noi lo sappiamo, lo sappiamo bene.

Fabio, dalla Puglia a Milano. Che ci fate al Nord?

Bella domanda…Milano ha rapito mio fratello Walter nel 2007 e me (Fabio) nel 2009 per questioni prettamente lavorative e diverse dalla musica: lavoriamo entrambi nel settore dell’istruzione. Il nostro desiderio, ovviamente, è di poter “ritornare a casa”, di ritornare alla “lentezza producente” che solo noi “abitanti di sud” possiamo sviluppare e certamente migliorare. Qui, nel “più avanzato nord”, ci manca l’idea di svegliarci la mattina e perderci con lo sguardo e con la mente all’orizzonte, unica vera fonte di apertura per ciò che non vediamo o che non ci appartiene…dinanzi all’orizzonte siamo tutti curiosi e affascinati da ciò che c’è dietro di esso. Oggi però il nostro orizzonte lo ricerchiamo, ahimè, a Milano, cercando di cogliere al massimo le innumerevoli influenze culturali che giungono dai vari popoli dei sud del mondo che transitano in questa città ogni giorno (dalle influenze arabe alle influenze balcaniche passando per il Sud America).

Parliamo di musica. Dopo Messina – dove avete partecipato all’evento SoUnD Ribelle – e alla calda estate tra nord e sud, stavate preparando nuovo album, a che punto siete? Raccontaci

Dopo il fantastico concerto identitario di Messina e la bellissima vittoria all’Umbria Folk Festival, ci siamo messi subito a lavoro per il nuovo disco. La nuova produzione discografica, dal titolo “MUREX”, rappresenta un continuum rispetto al secondo lavoro “Odysseia” che vede nell’incontro di culture e di storie la sua realizzazione più alta in una visione multiforme, senza barriere… meticcia. Saranno 11 tracce di pura follia e di “mondiale meridionalità”. Riproporremo, in chiave personalissima, due brani importanti della Puglia e della Calabria ovvero Lu Rusciu e Riturnella e parleremo, in chiave ironica ma rispettosissima, di Ilva e dei “fumatori a insaputa” della Puglia , Campania e Calabria. Ma ci saranno anche brani strumentali di nostra composizione appartenenti alla “world music” che avranno il potere di far viaggiare, sognare e “rabbrividire”. Insomma, un disco da finanziare…ehehehe

L’identità quanto conta per voi, nella vostra musica?

L’identità gioca un ruolo fondamentale in questo progetto. Siamo figli del Mar Mediterraneo ed il nostro cuore pulsante e la nostra anima traggono forza vitale e vocazione da esso. E’ il Mare Nostrum, con le sue antiche sonorità e i suoi ritmi ancestrali, i suoi colori e la sua melanconia l’inizio, ed allo stesso tempo la meta finale del viaggio. E’ su queste onde misteriose e millenarie che A3 APULIA PROJECT, come un nuovo Ulisse, intraprende il suo percorso poetico e musicale alla ricerca della propria spiritualità e della propria identità… una Odissea, appunto, musicale ed emozionale. Le sonorità magrebine di Mediterraneo e Rasgueado si uniscono e si compenetrano con il ritmo e i ricordi balcanici de Ai confini Arbereshe (zona della Calabria albanese) e di Corridoio 8 dove la lontana Albania si incontra e crea nuovi linguaggi e nuove forme. Care ad A3 rimangono le tematiche antiche e attuali dell’emigrazione e dell’emarginazione simbolicamente rappresentate nelle figure di un vecchio emigrante del Sud (Freccia del Sud; Festa di paese), di un randagio suonatore di strada (Roumenì) e di un povero sognatore a cui la società moderna, sorda e cieca, ha strappato tutte le sue aspirazioni (Fabbrica del motore). Il mare – diceva Pope – unisce da sempre le terre che separa. Questa citazione riesce a dare l’idea di ciò che Odysseia rappresenta per noi”.

E quest’estate dunque tour per il disco?

Sì, il nostro unico progetto estivo è il tour di promozione e lancio del nuovo disco. Il live è l’anima, il punto di partenza e allo stesso tempo meta del nostro lavoro. Solo col live si può capire appieno quale sia il feeling fra i musicisti e soprattutto quanto un brano possa aver presa su un pubblico eterogeneo. Il live ci permette di sperimentare anche nuovi arrangiamenti, di giocare con gli spettatori così da avere con loro uno scambio di emozioni e sensazioni, utilissime e fondamentali per chi decide di scegliere la musica come strumento di realizzazione personale e professionale.
Prima di salutarci, colgo l’occasione per ricordare gli altri compagni di viaggio: mio fratello Walter Bagnato (fisarmonica/pianoforte/synt), Angelo Verbena (basso/contrabbasso), Tommaso Summo (batteria), Adalberto Ferrari (fiati) e Roberto Zanisi (percussioni).

I siti dove conoscere meglio di A3 Apulia Project ai seguenti link:

www.a3apuliaproject.jimdo.com

https://soundcloud.com/ithinkmagazine/sets/a3-apulia-project-odysseia

In bocca al lupo, ragazzi. Da queste parti non vediamo l’ora di riascoltarvi – e rivedervi – prestissimo.

Lucilla Parlato

Continua a leggere
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.