Stai in contatto

Ambiente

PROSTITUZIONE E CRISI / A Napoli tramontato il Parco dell’Amore, cambia la "geografia" e crescono le escort 2.0

Pubblicato

il

prostitute napoli

Le nuove frontiere della prostituzione, sono piu’ che mai in auge; cambiano i tempi e con essi, si sviluppano nuovi modi di intendere il mestiere piu’ vecchio del mondo. Qual è l’attuale situazione tra Napoli e dintorni?

La geografia sessuale campana, almeno per la sua gran parte e’ cosi’ distribuita: Piazza Garibaldi e dintorni vede la presenza di ragazze dell’est cosi’ come il Corso Umberto, che però è in buona parte occupato anche da africane; al Corso Arnaldo Lucci, invece, se la giocano le asiatiche, in condominio con le “trans-gender” o meno, con “innesti” in tarda serata, di nigeriane, rumene, bulgare, albanesi e qualche russa, che passeggiano invece nella zona di Via Gianturco, cosi’ come nella zona industriale, suddividendosi il territorio con le immancabili africane. New entry: le rumene e slave, nella zona di Fuorigrotta, che era una zona meno battuta, fino a poco tempo fa.

Trans, gay e bisex, sono veri e propri outsider, visto che te li ritrovi “mischiati” rispettivamente in zone con presenza etero femminile marcata, come Centro Direzionale, e Galileo Ferraris, mentre proliferano in maniera massiccia, tra la Via Marina e la zona  Brin.

Buttando un occhio in qualche altro capoluogo, molte offrono “prestazioni” nella zona della Reggia di Caserta: russe, polacche, rumene, insieme ad africane e qualche trans, cosi’ come anche la zona di Maddaloni e il lungomare salernitano….

La crisi, però, non risparmia neanche questo settore, ed allora registriamo strani fenomeni. Mentre risulta essere archiviata, l’ipotesi un po’ fantasiosa di un “Parco dell’Amore”, ad opera del sindaco De Magistris, nasce una nuova figura, una sorta “escort 2.0”, che imperversa da qualche anno sulla rete.

Donne e uomini che si improvvisano, squillo, lenoni, scambisti a cottimo, massaggiatrici sexual, e chi piu’ ne ha piu’ ne metta. Persino i famosi Club Prive’, oltre ad ospitare chi fa della trasgressione la propria ragione di vita e lo fa solo per divertimento, offrono percentuali a quelle persone o coppie che  riescono a traghettare single in loco, con la promessa  di una sana e trasgressiva scopata. Ed allora ecco coppie vere o finte, fidanzati veri o improvvisati che, quasi in un accordo commerciale, si contendono i tanti scapoloni o ammogliati in cerca di nuove emozioni. Per non parlare dei tanti siti che offrono sesso senza alcuna implicazione di sorta.

Sono lontani i tempi in cui Salvatore Di Giacomo, nell’opera “La Prostituzione in Napoli nei secoli XV, XVI e XVII”, desciveva così il fenomeno: “Da’ principi e da queste lor donne fu stimolata l’intelligenza che rese così magnifico, così illuminato il  secolo d’oro. Ebbero da queste signore sollecito ed attivo incitamento gli artisti, ebbe la poesia una popolarità aristocratica e gl’illustri e fruttuosi argomenti per la tela delle sue imagini apologetiche; la scienza e le lettere ebbero sprone e guiderdone mai più avanti ottenuti e neppur appresso; l’Amore, finalmente, ebbe un omaggio perenne”.

Il che fa forse a pugni con l’intramontabile tormentone, concernente la “presunta” necessita’ di rendere la prostituzione “regolarizzata”, anche al fine di rifornire le “casse” di uno stato in deficit, come avviene in altri paesi (e come se il deficit, non fosse dovuto ad un sistema “assassino”, ad un modo “criminale” di intendere la vita sociale di un qualsivoglia paese.)

Beh, nel qual caso, non ci resterebbe altro da fare che credere, che per “risollevarsi”, sia quanto meno necessario, andare un po’ tutti a “puttane”! Quanto ai reali problemi di queste ragazze, di quelli no, come al solito non se ne occupa nessuno, pronti come sono tutti a sfruttare due volte (vedi Stato italiano) ma non a integrarle in altro modo o a consentire loro opportunità più dignitose.

Alberto Guarino

Continua a leggere
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.