Stai in contatto

Ambiente

RESTART A PORTICI/ Dalla Reggia a Villa Lancellotti, i cittadini attivisti scendono in campo

Pubblicato

il

Reggia di Portici e Villa Lauro Lancillotti

Reggia di Portici e Villa Lauro Lancellotti

Dove  le istituzioni latitano, interviene il cittadino informato e sempre più partecipe alla “cosa pubblica”; sembra questo il motto che muove l’iniziativa “RESTART CAMPANIA”, che da alcuni giorni, il Movimento 5 Stelle sta portando avanti, allo scopo di monitorare quell’immenso patrimonio a cielo aperto, troppe volte trascurato dalle istituzioni campane.

A Portici, mini museo a cielo aperto, fiore all’occhiello, della cultura campana, sta per partire un’operazione senza precedenti, che al momento si concentrerà sulla individuazione,  descrizione, divulgazione, di beni pubblici che necessitano di restauro e recupero.

La Reggia di Portici e Villa Lauro Lancellotti, sono nel mirino dei cittadini 5 Stelle di Portici, che con un video, ne descriveranno i contenuti e le problematiche, inserendo il tutto successivamente su supporto dvd e consegnandolo allo staff promotore. Gli attivisti partiranno dal raccontare brevemente la provenienza e l’importanza storico-artistica del ritrovamento per poi passare alle riprese dello stato in cui giace la stessa struttura o zona paesaggistica.

Alla fine del 2014, si procederà ad organizzare e fissare le tappe del tour dei parlamentari 5 Stelle nel patrimonio abbandonato individuato dai vari gruppi.

Lo scopo principale è quello di provare a scardinare le resistenze burocratiche e politiche che impediscono il recupero di beni come Villa Lauro Lancellotti, tristemente famosa per il crollo del 17 Marzo 2011, nel pieno dei festeggiamenti per l’unità d’Italia, quasi come in un presagio negativo, e la stessa Reggia di Portici la cui ristrutturazione avvenne solo in maniera parziale ed incompleta.

Una sorta insomma di “aiutati che Dio t’aiuta”, allo scopo di quantificare il danno e la beffa e soprattutto il mancato guadagno in termini di turismo, economia, e valorizzazione della cosa pubblica, in questo marasma istituzionale, ancora una volta scevro di interventi strutturali, ed imperniato su finalità tutt’altro che funzionali alla valorizzazione delle nostre immense potenzialità.

Alberto Guarino

Continua a leggere
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.