Stai in contatto

Cinema

RICORDARE TOTÓ / Ci manchi, Principe: simbolo eterno della nostra napoletanità

Pubblicato

il

A cinquant’anni dalla sua morte Totò resta scolpito nella memoria di tutti come sinonimo di Napoletanità.

Purtroppo è morto senza vedere la sua grandezza riconosciuta. A Oriana Fallaci che lo intervistò negli ultimi anni della sua vita confidò di sentirsi non un artista, ma “un venditore di chiacchiere” – “Un falegname vale più di noi artisti: almeno fabbrica un tavolino che rimane nei secoli. Ma noi, dica, che facciamo? Quanto duriamo? Al massimo, se abbiamo molto successo, una generazione.

Se chiedo al mio nipotino chi era Petrolini, chi era Zacconi, risponde boh!”

Così disse, senza sapere che il suo verbo e la sua arte sarebbero stati imperituri, freschi e attuali oggi come ieri.

Era umile il Principe. Definiva i suoi film “commerciali, filmetti arraffati, destinati alle sale di seconda visione, che costano poco”

La verità è che qualunque film comico, anche il più bello, lo possiamo rivedere al massimo una-due volte.

E’ come una barzelletta, una volta che conosci il finale, esaurisce la sua carica emotiva.

Un film di Totò è diverso. Penso a Miseria e Nobiltà, ma potrei citarne tanti altri. Puoi rivederlo altre 100 volte, noterai sempre una battuta, una smorfia, una sottigliezza che ti era sfuggita prima. Un film di Totò è per sempre.

Come le sue semplici e profonde poesie.
Gli riusciva facile perché Totò non recitava, Totò era se stesso.

Tra i suoi rimpianti c’era quello di aver studiato poco; “non sono un uomo colto, e questo mi pesa. Vorrei aver studiato di più, aver letto di più, aver guardato di più… Vorrei esser stato più curioso, io non sono mai stato curioso. Osservatore, sì, tutti i miei personaggi nascono dall’ osservazione, ma curioso mai. E ora che sono mezzo cieco e non posso curiosar più, legger più, studiar più…”

Diceva questo mentre veniva citato come esempio di efficacia linguistica nella “Storia linguistica dell’Italia” con le sue espressioni “fa d’uopo”, “quisquiglie”, “pinzillacchere”, riportate come espressioni ormai entrate nell’uso comune. Quindi nel vocabolario.

La notizia gliela diede la stessa Fallaci in quella memorabile intervista.

Ma la verità è che Totò è Napoli.
E’ Napoli nel suo genio e nella sua inventiva.
E’ Napoli nella sua improvvisazione.
E’ Napoli nella sua ironia beffarda, nella sua genuinità.
E’ Napoli nel suo rivendicare le nobili origini pur mostrandosi nella sua veste umile.
E’ Napoli nella sua generosità, è Napoli nelle sue contraddizioni.
E’ Napoli nella sua maschera, ora giullare ora riflessivo.
E’ Napoli nella sua capacità di cavarsela semrpe.
E’ Napoli nella sua scaltrezza, nel suo orgoglio identitario.
E’ Napoli nel suo amore per i più deboli.
E’ Napoli per la sua poesia.
E’ Napoli per tutto il mondo nonostante, fateci caso, non abbia mai detto, in 97 film interpretati, una sola frase in Napoletano.

E’ morto senza vedere la sua grandezza riconosciuta.
Lui che ha insegnato a tutti noi che la morte è una Livella, che ci rende tutti uguali, adesso riderà del fatto che proprio dal giorno della sua scomparsa, la sua grandezza non ha avuto più fine.
Ci manchi, Principe.

Maurizio Zaccone

Continua a leggere
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.