Stai in contatto

Sputtanapoli

SPUTTANAPOLI IN TV / Le iene, gli sciacalli ed il “far west di Napoli”: qualche domanda a Golia

Pubblicato

il

far west napoli

Ieri sera è andato in onda, su Italia uno, uno special delle “Iene” su baby gang, paranze e “stese” di camorra a Napoli.

Non è nostra intenzione gridare istericamente al complotto.

Anche perché, al contrario di iene e sciacalli vari, noi a Napoli ci viviamo, e tutti i giorni documentiamo la resistenza alla criminalità organizzata che, spiace dirlo, sembra essere una priorità solo del popolo napoletano e di nessun altro.

Ma alcune critiche dobbiamo necessariamente muoverle al servizio del -seppur- napoletano Golia.

A cominciare dal titolo dello stesso :  “Baby boss: il far west di Napoli”. Che a Napoli ci siano faide di camorra è innegabile. Che, però, Napoli sia il Far West è una stronzata bella e buona. Enorme. Gigantesca.

Intanto, perché la quasi totalità dei napoletani si ribella in tutti i modi alla criminalità, e lo fa come può. Votando in massa, ad esempio, un sindaco Magistrato nel 2011. Organizzando ogni giorno presìdi e manifestazioni nelle roccaforti della Camorra, nei quartieri in cui, per anni, la Camorra è stata un potente ammortizzatore sociale, come dicono i dotti. Scenendo a migliaia in piazza con fiumeinipiena che denunciava e denuncia la Camorra e le collusioni con la politica che hanno portato all’inquinamento della nostra terra.

Poi perché ci pare oltremodo pretestuoso raccontare sempre e solo la Napoli delle “stese”, che è la Napoli di una piccolissima percentuale di balordi che, peraltro, non spadroneggerebbero se non avessero il benestare di uno Stato che finge, ipocritamente, di combatterli.

Ci piacerebbe tanto poter chiedere a Golia perché non fa un’inchiesta giornalistica seria, di quelle, per intenderci, che spesso abbiamo visto in programmi come Report o Presa Diretta, anche se non cadremo nella facile tentazione del ricordare a Golia che lo stipendio gli viene pagato da un’azienda i cui vertici sono pluricondannati e che tanto male hanno fatto a Napoli.

Mentre scrivo, ad esempio, mi viene in mente il colpo mortale inflitto a Napoli col furto di testi di inestimabile valore sottratti alla Biblioteca dei Girolamini, alcuni dei quali ritrovati in casa Dell’Utri.

Ma non divaghiamo. Piuttosto, chiediamo e chiediamoci:

-a quando un bel servizio sui mandanti politici ed istituzionali delle varie mafie che ammorbano l’Italia?

-A quando una vera inchiesta, che non sia la solita incursione simil-cazzeggio per testare il livello di ignoranza o il tasso di sostanze illecite nelle urine dei parlamentari?

-L’esaltazione del “modello Gomorra” non aiuta ad alimentare modelli negativi per i giovani, facilmente “vittime” di emulazione?

-Se si volesse veramente contribuire a smantellare la cosiddetta “mentalità”, non sarebbe più utile proporre modelli positivi, e ce ne sono tantissimi, che lavorano sul territorio, piuttosto che sponsorizzare qualche guappetto? Capiamo pure che fa più audience il guappetto e che pecunia non olet, anche se c’entra la Camorra, ma almeno non venite a darci lezioni di moralità.

-Perché Golia non si è messo d’accordo con le forze dell’ordine e non li ha fatti arrestare questi criminali? Dite alla gente che lì ci vive -con ciò che ne consegue- che non bisogna essere omertosi ed i primi omertosi siete voi?

-Infine, una domanda che certamente resterà inevasa ma la facciamo lo stesso: considerando che chiunque abbia girato qualcosa in “territorio di Camorra” ha pagato i boss locali, non è che pure voi…? Perché, nel caso, sarebbe molto grave.

Al di là di tutto, comunque, ci rendiamo conto che la rinascita di Napoli dà fastidio a molti. La città è gremita di turisti e napoletani a tutte le ore, aprono piccole e grandi imprese, le multinazionali tornano ad investire in una città da cui si scappava qualche anno fa e tutto ciò, evidentemente, destabilizza un sistema che, invece, vive se il Sud langue.

“Non dovranno più essere in grado di intraprendere” fu detto dopo la strage di Pietrarsa. Mi dispiace per iene e sciacalli ma l’aria è cambiata. Fatevene tutti una ragione. Se volete il far west, cercatelo altrove. Napoli vive.

Drusiana Vetrano

Continua a leggere
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.