Stai in contatto

Attualità

MEDIA DISTRATTI / Folla danneggia auto della polizia per difendere gli spacciatori ma è Milano e non se ne parla

Pubblicato

il

comasina

La Comasina, il quartiere di Milano dove la gente ha difeso gli spacciatori danneggiando l’auto della polizia.

Comasina, quartiere a Nord della periferia milanese.

Leggiamo dal web che il quartiere è considerato “esempio emblematico del cosiddetto “quartiere autosufficiente”, e uno dei principali interventi realizzati negli anni cinquanta dall’Istituto Autonomo Case Popolari. (…) Il quartiere Comasina è, dal punto di vista quantitativo, la più importante realizzazione dello IACP di Milano; le consistenti dimensioni – ottantaquattro edifici e undicimila vani – lo resero «la maggiore realizzazione non solo dello IACP di Milano ma di tutti gli istituti d’Italia» e un caposaldo nella panorama dei quartiere autosufficienti.”

Nei giorni scorsi, questo quartiere simbolo della “Milano progressista” è stato teatro di fatti degni di attenzione ma, come spesso accade, non essendosi svolti a Napoli né in qualunque altro luogo al di sotto del Tronto, ha meritato la sola attenzione della stampa locale che più locale non si può.

In sintesi: tre spacciatori sono stati arrestati. Ragazzi che, seppur disoccupati, possedevano delle auto e svariate migliaia di euro in contanti. E fin qui, cronaca ordinaria. Ciò che è successo a seguito dell’arresto dei ragazzi, invece, avrebbe dovuto interessare i media, ciechi a targhe alterne. Leggiamo quanto riportato da Milanotoday, il quotidiano del capoluogo meneghino:”Scene folli lunedì a Comasina, teatro di una sorta di rivolta popolare in risposta all’arresto di tre ragazzi accusati dalla polizia di spaccio di droga. Gli agenti del commissariato di zona hanno scoperto che i tre, due ventiseienni e una ragazza appena maggiorenne, erano responsabili di un giro di droga che aveva permesso loro, nel tempo, di mettere da parte circa settemila euro in contanti – trovati nelle loro abitazioni – e di diventare proprietari di un’Audi A5 e di una Smart. Le auto, i soldi e un chilo e mezzo di hashish sono stati sequestrati dagli agenti che, dopo gli arresti e le perquisizioni, hanno dovuto fare i conti con la rabbia del quartiere. 

Al loro ritorno in strada, infatti, i poliziotti hanno trovato l’auto di servizio danneggiata e si sono trovati faccia a faccia con alcune persone del quartiere, tra cui due pregiudicati, che aspettavano gli arrestati per salutarli, quasi a voler loro “rendere onore”. ” 

A Milano, le stesse IDENTICHE scene che siamo abituati a vedere a Napoli, Palermo, Bari, talvolta Roma.
Ma com’è che NESSUNA TV italiana ha dato spazio ad un fatto così grave, stigmatizzato DA TUTTI, opinionisti, soloni della prima e dell’ultima ora, sociologi improvvisati, giornalisti, società civile e qualunque altra categoria, umana e non, vi venga in mente?Ce le ricordiamo tutti le immagini che, puntualmente, fanno il giro del mondo quando a Napoli arrestano un camorrista e familiari ed amici scendono in piazza per difenderlo, no?
Anche quando, ad esempio, fu arrestato, il 21 giugno 2015, a Barra, il boss Luigi Cuccaro.
Fu detto e scritto che “la folla” tentò di impedirne l’arresto. Qualcuno affermò addirittura che l’INTERO QUARTIERE fosse sceso in piazza per impedirne l’arresto. Guardando le immagini, però, si nota che quelli che ostacolarono realmente l’arresto non erano più di una decina. Sempre dalle immagini, si vede chiaramente un gruppo di curiosi, molti dei quali provenienti dalle vicine attività commerciali -in particolare, una sala slot ed un bar- intenti semplicemente A GUARDARE.
Ricordiamo, inoltre, che il 21 giugno 2015 era domenica, nonchè l’onomastico di Luigi Cuccaro ed è lecito pensare che stesse festeggiando con parenti ed amici. E per la cronaca, Barra conta oltre 38.000 abitanti. Se ci fossero state 40 persone a manifestare contro le FFOO, queste avrebbero rappresentato sì e no lo 0,1% degli abitanti di Barra. Altro che “folla” o “intero quartiere”.
A pensar male si fa peccato, disse qualcuno, ma si ha (spesso) ragione.
Intanto, attendiamo le solite analisi sociologiche sull’attitudine innata dei napoletani alla delinquenza, su una società infetta, inguaribilmente camorrista, di un malcostume radicato, di una “mentalità” atavica. Con la preghiera di risparmiarci le solite accuse di “vittimismo”, che c’entra come i cavoli a merenda. Perché, se chi commette un’azione è responsabile per la stessa, chi la subisce in silenzio ne è certamente corresponsabile.
Drusiana Vetrano
Continua a leggere
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.