Stai in contatto

Attualità

PARCO VERDE / Sui delitti di Antonio e Fortuna qualche riflessione e tanti dubbi

Pubblicato

il

fortuna loffredo

Abbiamo pensato a lungo se pubblicare o meno qualcosa sulla tragedia di Fortuna Loffredo, la piccola gettata nel vuoto giù da un isolato del Parco Verde di Caivano.

Solitamente, non ci occupiamo di notizie di nera, non siamo un giornale “generalista” come sa chi ci segue. D’altra parte, però, in questi giorni siamo stati costretti a leggere e ascoltare ogni genere di cose su questo caso: dalle analisi, a volte condivisibili, di qualcuno alle farneticazioni di Corrado Augias, passando per le solite condanne superficiali e qualunquiste che come sempre, quando si tratta di “certe zone”, bisogna sorbirsi senza replica.

Come se non fosse già di per sé una condanna nascere in posti al di fuori di ogni Stato. E, per favore, almeno adesso risparmiateci la retorica della serie “lo Stato siamo noi” perché se non riuscite ad immaginare uno Stato di diritto, in cui non ci sia posto per emarginazione e violenza, in cui i bambini vivano sereni la loro infanzia e i grandi sono inseriti in contesti di normalità, allora avete un problema. E serio…

Al di là del fatto di cronaca di cui, ormai, conosciamo ogni morboso dettaglio, abbiamo a un certo punto deciso che era doveroso per noi aggiungere qualche osservazione su questa storia, che sembra avere diverse chiavi di lettura. La violenza terribile su degli innocenti è la prima e più evidente, certo. Ma, senza voler muovere accuse a chi fa il suo lavoro ogni giorno seriamente, avvertiamo la tremenda sensazione della giustizia sommaria.

Come se a nessuno importasse o fosse importato veramente qualcosa di quei bimbi. Perché prima di Fortuna, ricordiamolo, era morto nelle medesime circostanze anche un altro bimbo, Antonio Giglio, di soli tre anni, la cui mamma era stata condannata per concorso in abusi, insieme al suo compagno, che abusava delle sue sorelline.

La mamma fu indagata, certo. Però perché non fu disposto alcun esame autoptico sul bambino (cosa che viene richiesta oggi, sui suoi resti)? Perché persone già condannate per reati sessuali sui minori non sono state indagate più attentamente? Perché le sorelline di Antonio non sono state allontanate prima da quella casa? Non è che se qualche adulto, qualcuno che veste panni istituzionali, cioè, fosse stato più accurato si sarebbe evitata la morte della piccola Fortuna? E per le bambine vive, sì, ma ripetutamente abusate (una ancora piccolissima) cosa si è fatto, nel frattempo? Ricordiamo, inoltre, che anche nella vicenda della stessa Fortuna, se si è arrivati a fare chiarezza su tanti punti è solo ed esclusivamente grazie alla tenacia di Mimma, la madre della piccola, che ha condotto una battaglia alla ricerca della verità praticamente da sola.

Nella storia già di per sé orrenda, non ci consola sospettare che forse, troppo spesso, la cosiddetta “giustizia” presenta dei risvolti di iniquità tali da indurci a credere che non tutti gli esseri umani siano uguali. Alcuni, forse, sono meno uguali di altri.

Drusiana Vetrano

Continua a leggere
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.