Stai in contatto

Beni Culturali

STORIA E IDENTITA’ / A Neapolis sulle tracce di Cominia Plutogenia, sacerdotessa di Cerere

Pubblicato

il

lapide Cominia Plutogenia 2 (foto Enzo di Paoli)

Meravigliosa e grande Neapolis,riappropriamoci della nostra antichissima identità

Tra chiese e palazzi della nostra città, nel centro antico, nascosti e incastonati come invisibili gioielli, troviamo le tracce di un passato nobile e fiero. Un passato che non vogliamo e non dobbiamo dimenticare.

Fra gli dei patri della Neapolis greco-romana vi fu sicuramente Demetra, il cui culto calcidico fu introdotto nella città fin dalla sua fondazione e poi rinvigorito ancora durante il periodo ateniese quando Demetra assunse l’appellativo di Actica. Il suo magnifico tempio sorgeva sull’acropoli nei pressi dell’attuale chiesa di S. Aniello a Caponapoli.

Esistono antichi ricordi delle sue sacerdotesse, che avevano una casa probabilmente nei pressi di San Gregorio Armeno.

Famosa fu nell’antichità Tettia Casta e una lapide conservata nei depositi del Mann la ricorda. Famosa fu Terenzia Paramone, sacerdotessa nota anche a Pompei. Famosa Sabina che andò addirittura a Roma.

Ma in Piazza San Gaetano, nel cortile di un palazzo accanto alla chiesa di San Paolo Maggiore, ben nascosta, abbiamo la memoria consacrata a quella più nota e celebrata nell’antichità, e scritto
in belle lettere greche possiamo leggere il suo nome.

lapide Cominia Plutogenia (foto Enzo di Paoli)

Questa base onoraria le fu dedicata dai suoi pronipoti in segno di rispetto e reverenza ed era posta probabilmente nell’agorà cittadina.

Nessuno più ricorda il nome di quella donna celebre e rispettata. Lo facciamo noi oggi: Cominia Plutogenia sacerdotessa di Cerere legislatrice. Una napoletana come noi.

Enzo Di Paoli, Locus Iste‬

Continua a leggere
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *