Stai in contatto

Beni Culturali

NAPOLI MISTERIOSA / Quel bassorilievo della morte sulla facciata di San Pietro Martire

Pubblicato

il

bassorilievo san pietro martire 1

L’inquietante bassorilievo della Morte è una lastra di marmo di circa due metri di altezza.

Un inquietante personaggio a bassorilievo raffigurante uno scheletro con uno sparviero in una mano e un flagello nell’altra. In testa una duplice corona: è la Morte.

Ai suoi piedi uomini e donne senza vita, fra cui teste coronate, re e regine.

Dinanzi a lei un uomo vestito da ricco mercante le offre un sacco ricolmo di monete d’oro. Vuole comprare la sua vita.
Due cartigli diramantesi dalle loro bocche ci tramandano ciò che si stanno dicendo: “Tuto te volio dare se mi lasci scampare” dice il mercante.

bassorilievo san pietro martire 2

“Se tu me potisse dare quanto se pote ademandare, note pote scampare la morte se te vene la sorte” la risposta della Morte.
E’ il bassorilievo della Morte e risale al 1361, una sorta di ex voto messo da Franceschino da Brignale per essere scampato ad un naufragio.

La lastra si trovava murata sulla facciata laterale di San Pietro Martire all’Università fino al 1870 circa quando fu portata nei sotterranei gotici di San Martino scampando così alle distruzioni del Risanamento.
Così si salvò uno dei più curiosi manufatti di arte medievale a Napoli e uno dei più antichi esempi di volgare napoletano.

Enzo Di Paoli, Locus iste

Continua a leggere
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *