Stai in contatto

Ambiente

MONITORAGGIO DEL VESUVIO / A Portici, con Enea, nasce Billy, il sistema di preallerta

Pubblicato

il

Immagine dell'ultima eruzione del Vesuvio

Immagine dell’ultima eruzione del Vesuvio

Riuscire in tempi brevi e con precisione quasi millimetrica, a fornire la  pre-allerta alla popolazione, in caso di eruzione vulcanica, da oggi si può grazie a “Billi”, un’efficace innovazione partorita direttamente dal Centro Ricerche ENEA di Portici e presentata a Monaco di Baviera nella sede dell’Agenzia aerospaziale tedesca.

Si tratta di un vero e proprio radar laser di ultima generazione che riesce a valutare la concentrazione di anidride carbonica nei gas vulcanici, fino ad un chilometro di distanza e grazie ad un sistema di specchi il fascio laser può essere orientato in qualsiasi direzione, mirando con precisione la zona di pennacchio vulcanico da monitorare. Ottimo banco di prova, nel mese di Ottobre e’ stato il complesso vulcanico di Pozzuoli, che ha fornito le certezze che gli scienziati auspicavano in merito all’importanza di questo nuovo strumento.

E’ una vera e propria scansione con lo scopo finale di sorvegliare le emissioni di fluidi dai vulcani attivi, per comprenderne il comportamento, e contribuire alla previsione delle sue dinamiche, con una continuità di gran lunga superiore a quella a cui eravamo abituati, e la cosa interessante e’ che questa tecnologia si presta anche ad altre applicazioni, tipo contesti industriali o cittadini, luoghi in cui sono avvenuti incendi e tutti quei luoghi in cui ci sono processi di combustione.

Situato  a poche centinaia di metri dalla stazione ferroviaria di Portici, il Centro Ricerche ENEA  si estende su una superficie di 27.000 m2 ed ospita circa 150 dipendenti, un vero e proprio fiore all’occhiello per quel che concerne la ricerca, soprattutto in ambito ambientale, insomma, una parte di “sud” che funziona.

Alberto Guarino

Continua a leggere
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.