Stai in contatto

Agroalimentare

A PORTICI / “Presepe Vivente” da Ciro a mare, che la camorra incendiò sei anni fa

Pubblicato

il

Ristorante Ciro a Mare

Un “Presepe Vivente”, come schiaffo alla Camorra; sarà l’ennesima iniziativa volta a riaccendere i riflettori su un pezzo di storia del litorale porticese, per dare uno scossone ad una burocrazia farraginosa, il 9 Dicembre alle ore 16 e 30.

Commercianti anti-racket e disoccupati del  ristorante “Ciro a Mare”, saranno pronti ad accogliere la cittadinanza, al grido di: “APRI-A-MO’ CIRO A MARE”, con il  termine di lingua napoletana “mò”, come unico comune denominatore.

“F.a.i Panunzio Portici” ed “Ercolano per la legalità”, sono le associazioni che promuovono questa iniziativa, allo scopo di sbloccare una situazione che solo apparentemente sembrava volgere verso una definitiva soluzione.

Quel maledetto 4 Gennaio del 2009, segnò la fine di quell’attività, con un tremendo rogo che distrusse le sale del famoso ristorante, dopo che la famiglia Rossi si ribellò al racket delle estorsioni, che per anni ha devastato e devasta ancora, il territorio vesuviano, terrorizzando ogni libera iniziativa, come se non bastassero le difficoltà che un qualsiasi imprenditore deve affrontare, nel pagare tasse e balzelli, imposte da uno “Stato”, che spesso da l’impressione di non  essere dalla parte di quei cittadini che producono ricchezza.

Il  Luglio scorso, con un interessante libro, fu Tano Grasso a porre l’attenzione su questa vicenda, proprio dalla spiaggia delle “Mortelle”, sede di quello che ormai è un rudere e non più un ristorante; con la partecipazione, nel libro, del presidente del Senato Piero Grasso, descrisse in maniera analitica, questa triste vicenda, in presenza di Raffaele Rossi, titolare del ristorante, Ciro Maglioli, dell’associazione antiracket di Portici, padre Giorgio Pisano, da anni in prima linea contro il pizzo ed il malaffare, il vicario del prefetto di Napoli, Giovanna Via, il commissario straordinario antiracket, Santi Giuffrè, e tante persone che hanno da sempre seguito questa piccola “Odissea”.

Sembrano ormai maturi i tempi, ai fini di un ripristino di questa attività, ma ogni volta manca qualcosa; si spera quanto prima, di riuscire a definire anche la questione relativa ai suoli su cui anni fa sorse questo famoso ritrovo culinario, con relativa risoluzione di eventuali pendenze.

E’ una telenovelas lunga sei anni, che mortifica il nostro territorio, alla quale si sta cercando, con l’impegno di associazioni e persone di buona volontà, di porre la fatidica parola “Fine”.

Alberto Guarino

 

Continua a leggere
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.