Stai in contatto

Media e new media

ALTRE NARRAZIONI / Il Lazzaro: “Il blogging è morto ma su Identità è sopravvissuto così”

Pubblicato

il

 

Quando il direttore mi ha chiesto un pezzo sulla importanza dei blog per il futuro della informazione e della comunicazione, rispetto alla crisi profonda della carta stampata, in virtù della mia lunga attività di blogging, ero entusiasta.

Sì, perché avrei potuto scatenare la consueta invettiva ed ironia, con cui mi diverto, sovente, a coglionare il profilo social di quelli che erano i maggiori quotidiani del Paese, catapultati, ormai, in “inchieste definitive” sulla lunghezza del pene o la tinta migliore di abbronzatura per rimorchiare in spiaggia.

Invece, mentre come di consueto, mi appuntavo la scaletta del pezzo, sulla timeline di Facebook sono iniziati ad apparirmi post di quelli che amo definire “sitarielli” ossia quei blog (che tengono a precisare di non essere testate giornalistiche) che promettono contenuti esclusivi, introdotti da titoli da Settimana Enigmistica “cosa ha fatto arrabbiare i napoletani?”, “Higuain fa il bagno o la doccia? Clicca qui”, “Leggi cosa ha scritto contro Napoli quel polentone di merda, clicca qui”, ” sai perché si dice sarchiapone? Te lo diciamo noi”, “A Napoli la migliore acqua calda del mondo, clicca qui e scoprirai dove”.

Fake news e/o titoli sensazionalistici rimandano a contenuti scadenti, copiaincollati acriticamente senza citare la fonte, infarciti di pubblicità.

Eh già, la pubblicità di Google, la morte dell’informazione da blogging.

Ora scordatevi di leggere la consueta analisi accademica sul blog che potete anche scaricare gratuitamente da Google Books. Sono un blogger alla vecchia maniera (il primo “diario” l’ho aperto nel 2000) per il quale il contenuto è un flusso di esperienze ed opinioni senza filtri né pretese da Accademia.

Perché questa è internet, bellezza, e o ti ci sei rotto le ossa lì in mezzo quando il suono del modem ti indicava che stavi aprendo le porte di Wonderland e gli script di Mirc erano le armi per difenderti da chi voleva formattarti il pc da remoto oppure sei il classico fighetto da slide Power Point, tutto Mac e 110 e lode con bacio accademico.
Esiste infatti un’era del blog prima di Adsense (la concessionaria di pubblicità di Big G) e un’altra successiva a quest’ultima.

La promessa di un modesto compenso per ogni click ricevuto sul proprio blog ha infatti scatenato orde di utenti che, dalla prospettiva del silenzio e della nullafacenza retribuita esclusivamente dalla paghetta di papà , si sono riscoperti blogger o, meglio, cacciatori seriali di notizie appiccicate sulla propria pagina con titoli pirotecnici, “spammati” ovunque con la prospettiva di click e condivisioni in grado di aumentare il volume dei visitatori e quindi delle percentuali che Google paga per la pubblicità.

Il blogging vero è morto con Adsense e con il marketing da “influencer” (ovvero l’adolescente che da casa vi mostra come riparare il telefonino e intanto vi consiglia di comprare il cacciavite miracoloso o la signora Maria che, mentre ti mostra come preparare gli arrostiscini, ti consiglia il forno di quella marca lì, perché ne è diventata la promoter).

Lontani i tempi degli esordi quando il blog nasceva come esigenza di comunicazione verso il mondo che si apriva con internet.

Quando la rete era popolata da noi, pochi nativi digitali, che pagavamo un canone ad Italia On Line per la sola navigazione e una tariffa oraria, a consumo, alla Telecom. Il risultato era il telefono di casa sempre occupato e dieci minuti per pubblicare una foto di qualche kilobyte.

Il blog si proponeva dall’inizio come opposizione all’informazione ufficiale, gravata dal peso delle lobby e dei gruppi di pressione che ne determinavano i contenuti.
Era un diario di pensieri ed opinioni che surclassavano l’orgia dei fatti.
Si apriva un blog per “condividere” esperienza e conoscenza senza indurre nessuno a comprare un prodotto, come, al contrario, accade oggi quando cercate come cucinare l’impepata di cozze ed inconsciamente vi propongono una serie di prodotti messi lì dal blogger, influencer, come si chiamano oggi, con la promessa di qualche spicciolo da parte dell’inserzionista di turno che cerca di appiopparvi il tegame in acciaio inox.

Sia ben chiaro, lungi da me la demonizzazione della pubblicità che serve a mantenere piattaforme di blogging gratuite per i propri utenti, io stesso ne faccio uso, mi riferisco a chi crea contenuti non originali (o semplici titoli ad effetto o peggio ancora fake news) con la finalità esclusiva del lucro prodotto dall’inserzione.

Un contenuto che quindi non avrà alcun valore aggiunto e/o libero ma che sarà esclusivamente determinato dalle logiche e dalle richieste dell’inserzionista, finalizzate all’agognato click, che farà aprire un banner o una pagina che promette un pene più lungo, una pancia piatta, guadagni miliardari col Forex, il video segreto di Belen o il forno miracoloso della signora Maria (che se lo ordini entro 24 ore ti regalano pure la crema contro le ragadi anali).

Sono preistoria digitale i primi blog politici che nacquero negli USA proprio per fornire una informazione meno patinata e succube delle logiche dei gruppi di stakeholders.

Ed i blog, privi di finalità pubblicitarie, sono stati la vera arma di contro informazione e diffusione di notizie da quelle aree del pianeta sotto il giogo di regimi totalitari. Proprio per l’immediatezza del medium, la facilità di diffusione, le caratteristiche che lo svincolano dalle logiche (spesso elefantiache) di una redazione.

Ritorniamo a bomba scatenando le ire del direttore che mi aveva chiesto un “pezzo” con certe caratteristiche, che io, da vecchio blogger, non ho, per l’appunto, rispettato.
Il blog è morto (e neanche la stampa si sente tanto bene) perché ha perso l’ingenuità delle origini, diventando lo specchio di Narciso o il banner per una blogovendita (il termine l’ho coniato io)? Si, probabile ma Identità Insorgenti è una eccezione che conferma la regola. Perché nonostante sia una testata giornalistica (e non il sitariello copiaincolla acchiappaclick) ha sempre mostrato, ed io ne sono testimonianza, molta attenzione, apertura e “carta bianca”, per tutti quei blogger che abbiano dimostrato non solo originalità e cura nei contenuti, ma anche un forte senso di identità ed amore per la propria terra (scevra da ogni ipotesi di esclusione o razzismo) che rendono questo elementi valori aggiunti per chiunque intenda leggere opinioni, commenti e informazione direttamente dai territori. Informazione che, tuttavia, non è la classica velina o comunicato inviato dall’ufficio stampa istituzionale di turno, ma personale, che non vuol dire estremamente parziale. Vuol dire viscerale, appassionata, per nulla asettica, “carnale”. Perchè raccontare con passione vuol dire spingere il pubblico che non ha mai letto un libro in vita sua, a riscoprire il gusto per la narrazione. Che non sia quella creata nei laboratori degli uffici marketing.

Per quanto mi riguarda credo che il futuro dell’informazione, ormai presente, è nelle immagini, nei video in presa diretta e senza montaggio, dove l’evento ti viene sbattuto in faccia senza filtri né censure. Dove il racconto è allo stesso tempo avvenimento, la narrazione è l’accadimento in divenire: l’omicidio lo guardi in diretta Facebook.

Questo strumento “brucia” sul tempo qualsiasi lancio di agenzia, ciascuno diventa “redazione”. La stampa ufficiale insegue i social e non viceversa.

E ciò vale non soltanto per la cronaca ma anche per la satira. Non è un caso che, infatti, il duo napoletano “I Nati con la Camicia” , siano due video blogger di Identità Insorgenti. Ed anche la satira torna al suo ruolo originario, ridendo castigat mores, ti fa sorridere senza accorgerti che ti sta facendo una chiavica perché imbratti il monumento della città che dici di amare.

Il Lazzaro

Continua a leggere
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.