Stai in contatto

Attualità

10 MAGGIO 1987 / 30 anni fa il Napoli vinceva lo scudetto: ma per noi quel giorno è sempre oggi

Pubblicato

il

10/05/1987. 30 anni sono passati.
Chi c’era ha il suo personale ricordo, chi non c’era porta il ricordo dei racconti.
Perché ci sono emozioni che vivi e porti dentro per sempre.
Poi ci sono le emozioni di un ragazzino che ascolta le parole del padre, vede i suoi occhi luccicare, e quella storia gli entra nel cuore, diventa anche sua.

Ed ecco che quel giorno non è più 30 anni fa, ma è sempre oggi, per tutti i Napoletani.
Per chi c’era e chi non c’era.

E’ riduttivo parlare solo di quel 10 Maggio, perché tutto cominciò 2 anni prima, quando quell’argentino venne a Napoli.
Non avevamo vinto niente, da 60 anni, ma chissà perché non smettevamo di sognare, di sperare, di crederci. E ora sembrava possibile.

Io avevo 11 anni. Giocavamo a pallone per strada ed ognuno si sceglieva il nome di un giocatore. Prima potevi essere Dirceu o Krol o Pellegrini. Era indifferente. Da quel giorno diventammo tutti Maradona.

Si doveva ancora cominciare a vincere ma si capiva che si POTEVA vincere.
Ora quando il tifoso juventino ti diceva “noi abbiamo Platini” tu potevi rispondere “noi abbiamo
Maradona”, ed era solo l’inizio di 1000 rivincite.

Fu tutta la città ad alzarsi con Diego, non fummo semplici spettatori, ma partecipi.
Napoli negli anni 80 veniva dal terremoto, una città piegata in due. Diego e il Napoli furono il terminale di un’energia, un desiderio di riscossa, che non riusciva a canalizzarsi. Furono la nostra rivincita.

Ci levammo, come si suol dire in Napoletano , “gli schiaffi da faccia”.
Ora potevamo alzare la testa sui campi del Nord, quelli che ci accoglievano con disprezzo e odio. Quelli che ci chiamavano Africani. Quelli che il calcio era cosa loro. Da 100 anni. Che tu eri terrone, terremotato, coleroso. Senza ironia, solo con disprezzo. Ora li vedevamo correre per trovare la palla senza riuscirci, arrendersi al genio con la casacca Napoletana, quella casacca mai rispettata, ora temuta e invidiata.

Una città che ora sentiva di potercela fare, e che rispose all’odio e al razzismo con indimenticabile ironia, con striscioni che ancora oggi sono vivi nella memoria di tutti. Io porto nella mente la scritta apparsa su un cimitero Napoletano, “”Non sapete cosa vi siete persi “ ma l’energia creativa esplodeva ovunque.

Ricordo i servizi di Luigi Necco per 90° Minuto. le interviste di Galeazzi alla Domenica Sportiva.
Ricordo gli allenamenti al Campo Paradiso, le file allo stadio per spacciarti figlio di qualcuno e riuscire ad entrare. I giocatori di tutta Italia onorati di venire a Napoli.
Ricordo le mamme che cucivano bandiere. Ricordo che sorridevano tutti.
E ricordo quel 10 Maggio quando per la prima volta nella storia potemmo udire la frase: Napoli Campione d’Italia.

Ce ne hanno dette di tutti i colori, prima e dopo. Ma da quel giorno era cambiata la storia, e tutta Italia ci ha dovuto fare i conti.
Oggi, dopo 30 anni, riviviamo lo stesso momento. Loro ci vogliono sotto la lava, ci chiamano terroni.

Noi teniamo la testa alta, pronti, ancora una volta, a cambiare la storia.
E succederà, un giorno…all’improvviso….
Maurizio Zaccone

Continua a leggere
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.