Stai in contatto

Battaglie

BACOLI / Riaperto dopo 15 anni Centocamerelle. Ed è subito boom

Pubblicato

il

Un momento storico, quello vissuto nei giorni scorsi all’interno della Casina Vanvitelliana, quando il comune di Bacoli e la Soprintendenza hanno firmato un protocollo d’intesa tra i due enti che ha permesso la riapertura di siti archeologici chiusi da ormai più di dieci anni: riaperti dunque domenica i siti di Centocamerelle, Tomba di Agrippina e Anfiteatro romano.

Ed è stato subito boom, emozionante, con una massiccia presenza di visitatori.

La conferenza stampa, svoltasi al piano superiore della Casina borbonica, ha visto presenti il sindaco di Bacoli Josi Gerardo Della Ragione, l’assessore ai beni culturali del comune di Bacoli Gennaro Di Fraia. la responsabile della Soprintendenza Adele Campanelli e il direttore Francesco Sirano.

Durante l’incontro sono stati resi pubblici i termini del protocollo, che ha poi permesso domenica l’apertura di percorsi visitabili all’interno dei siti di Centocamerelle, Tomba di Agrippina e Anfiteatro Cumano, nonché l’apertura di un secondo ingresso con biglietteria per le Terme di Baia, che parta dalla piazza Alcide de Gasperi di Baia.

La firma è stato un primo passo per una collaborazione fissa tra comune e soprintendenza che continuerà con un tavolo tecnico che coinvolga anche scuole e associazioni, permettendo di ipotizzare nuove proposte per il rilancio dei beni archeologici e la loro fruizione.

A fronte dei tanti problemi – ha dichiarato l’assessore Di Fraia – la scelta più semplice sarebbe stata quella di arrendersi e lasciare chiusi i grandiosi monumenti che si trovano in questa terra. Non c’è stato neanche per un attimo il desiderio di gettare la spugna: affronteremo le tantissime difficoltà ad una ad una, realizzando delle soluzioni un passo alla volta. 

Le terme di Baia rischiavano la chiusura per mancanza di personale: abbiamo individuato sei unità tra dipendenti comunali e lavoratori socialmente utili, che permetteranno di scongiurare questo rischio. Ma questo non è ancora nulla, perché abbiamo il dovere di restituire alla comunità monumenti che da troppo tempo erano chiusi. Perciò abbiamo creato un’altra squadra di tre dipendenti comunali che si assumeranno l’onere di vigilare sui sentieri turistici che sono stati stabiliti per la sicurezza: quelli di cui parliamo sono monumenti che si possono visitare in parte, con le dovute cautele di sicurezza e con un numero di visitatori contingentato. Ma questo è semplicemente un primo passo: sono già in atto le iniziative che serviranno per giungere al restauro e ad un’apertura completa dei siti.

20160505_134754

centocamerelle

centocamerelle

Corteo di Freebacoli del 2013 per chiedere l'apertura di Centocamerelle

Corteo di Freebacoli del 2013 per chiedere l’apertura di Centocamerelle

Tomba di Agrippina

Tomba di Agrippina

Corteo di Freebacoli del 2013 per chiedere l'apertura della tomba di Agrippina

Corteo di Freebacoli del 2013 per chiedere l’apertura della tomba di Agrippina

Continua a leggere
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.