Stai in contatto

Economia

COLONIZZAZIONE ETERNA / Via da Napoli anche Telespazio, eccellenza aerospaziale

Pubblicato

il

telespazio napoli

“Nell’ambito del riordino aziendale…”. Inizia sempre così l’ennesimo colpo di penna che, giorno dopo giorno, ammazza il sud da un secolo e mezzo. Spostare sopra il Tronto la sede di una qualunque eccellenza nata e sviluppatasi qui, per chi governa questo maledetto paese, si chiama “riordino”. Noi preferiamo chiamarlo col suo nome: COLONIALISMO.

Eh sì, perché il colonislismo è soprattutto una questione finanziaria. Raccontiamo l’ennesimo, vergognoso furto a Napoli. La storica sede napoletana di Telespazio sarà chiusa per sempre e spostata a Roma. Lo annuncia l’amministratore delegato di Finmeccanica,Mauro Moretti.

Ricordiamo che anche Fimmeccanica nasce da un furto, un po’ più antico, perpetrato ai danni di Napoli e del sud, come anche Fincantieri, Ansaldo, le cartiere Burgo etc. In sostanza, 33 dipendenti del MARS CENTER (acronimo di Microgravity Advanced Research and Support Center), fondato nel 1988 da Luigi Napolitano come centro di ricerca avanzata nell’ambito della microgravità, dovranno spostarsi a Roma per non finire per strada (come successo, in tempi recenti anche ai dipendenti Alenia, spostata a Varese).

Il Centro venne acquisito nel Giugno del 2005 da Telespazio, come fiore all’occhiello nell’ambito della gestione di operazioni spaziali a bordo della ISS (Stazione Spaziale Internazionale) stringendo partnership con NASA, ESA e ASI.

Due anni fa Napoli sembrava destinata ad un futuro luminoso nel settore spaziale ed, in effetti, nel 2012 il capoluogo campano diventò il centro della comunità internazionale con lo IAC prima e la riunione dei ministri dei 20 membri del Consiglio ESA poi, ospitate dalla città.

Poi il dietrofront, con alcuni importanti progetti affidati alla belga B-Usoc di Uccle, ambito in cui si è cominciato a sottrarre competenze a Napoli che è da sempre un centro nevralgico importantissimo, a livello europeo, in ambito tecnologico ed aerospaziale.

Entro il primo dicembre, anche se la comunicazione della data non è ancora stata ufficializzata, prenderà il largo la nostra ennesima eccellenza, che dava lavoro a tante famiglie e soprattutto lustro ad una città sempre più vessata ed impoverita. Carlo Bombrini, personalità cruciale del neonato regno d’Italia, pronunciò la famosa frase:”non dovranno più essere in grado di intraprendere”. A quanto pare, a distanza di un secolo e mezzo, il piano di sterminio è ancora in atto…

Drusiana Vetrano

Continua a leggere
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.