Stai in contatto

Economia

Il pistacchio di Bronte acquisito da una azienda piemontese: storie di ordinario colonialismo

Pubblicato

il

Si scrive “libero mercato”, si legge “colonialismo interno”.

Una storia, l’ennesima, di “predazione imprenditoriale” quella che stiamo per raccontarvi.

Il pistacchio di Bronte

Dici “pistacchio” e subito la mente va alla Sicilia, a Bronte, ai suoi colori, ai suoi odori, a quelle tradizioni antichissime, frutto di millenni di storia.

L’utilizzo della frutta secca nella cucina siciliana si fa risalire alla dominazione araba che, fra le altre cose, portò nell’isola i sapori e i profumi dei paesi che affacciano sul Mediterraneo.

Da quel tempo, il nome della Sicilia è strettamente legato alla produzione di frutta secca.

E il nome di Bronte alla produzione del pistacchio.

Non un pistacchio qualunque. Il migliore del mondo.

Antichi sapori dell’Etna

Antichi sapori dell’Etna è un’azienda siciliana che nasce dalla passione di due ventenni per la pasticceria dell’isola e per i prodotti di quella terra meravigliosa, tra cui spicca, appunto, il pistacchio.

Sono passati esattamente venti anni da allora.

L’azienda è cresciuta, diventando appetibile per un mercato più ampio.

Piccole imprese fagocitate dai colossi

Ecco che fa capolino Nutkao, gigante di creme a base di nocciole e semilavorati, con sede in Piemonte.

Che, fiutato l’affare, ha rilevato l’azienda siciliana.

Azienda che, nel frattempo, ha sviluppato un’area di produzione del pistacchio di settanta ettari ai piedi dell’Etna, dando vita ad un fatturato di circa cinquantacinque milioni di euro per un mercato di sbocco di oltre cinquantadue paesi.

Dopo un ventennio speso a portare l’azienda a livelli molto alti, i due imprenditori hanno deciso di far parte di un progetto più grande, a loro dire.

E, in effetti, con l’acquisizione dell’azienda siciliana, la Nutkao prevede un fatturato a breve che superi i duecentocinquanta milioni.

Un bel colpo, senza dubbio, considerando anche l’enorme popolarità che ha acquistato il pistacchio negli ultimi anni.

Tanti precedenti illustri

Sono tanti i precedenti illustri di imprese meridionali acquistate in momenti precisi del loro sviluppo economico e imprenditoriale.

Da Voiello a Caffè Borbone, passando per il Banco di Napoli, fatto strategicamente fallire per essere rilevato dalla piemontese Intesa Sanpaolo nel 2018, è infinita la lista delle imprese meridionali che, per necessità o semplicemente per fare il salto di qualità, sono state assorbite da giganti nordici.

Colonialismo interno

Secondo il sociologo messicano González Casanova il colonialismo interno si verifica quando “all’interno di una singola nazione, determinati gruppi etnici assumono stabilmente il dominio di altri e (…) corrisponde ad una struttura di relazioni sociali basate sul dominio e sullo sfruttamento tra gruppi culturalmente eterogenei e distinti. Esso è il risultato di un incontro tra due razze, culture o civiltà, la cui genesi ed evoluzione è avvenuta senza alcun reciproco contatto fino a un momento specifico. La struttura coloniale e il colonialismo interno si distinguono dalla struttura di classe, mentre il colonialismo non è solo un rapporto di sfruttamento dei lavoratori da parte dei proprietari di materie prime o di produzione e dei loro collaboratori, ma anche un rapporto di dominio e sfruttamento di una popolazione totale su un’altra popolazione che ha anche classi distinte”.

La lezione di Zitara

Appare chiaro, pertanto, il rapporto tra dominante e dominato e quanto questo intreccio sia deleterio per il cosiddetto Sud Italia, in termini economici, sociali e culturali.

E proprio quando apprendiamo notizie del genere, ci torna in mente la lezione – inascoltata- di Nicola Zitara, teorico del colonialismo su base regionale in Italia :

“Giacché viviamo in un mondo in cui la dominazione politica è incorporata nelle merci di massa, la nostra liberazione non comincerà con la freccia di un nostrano Guglielmo Tell che trafigge il tracotante nemico, ma con un camion di provolette Galbani precipitato nella scarpata dell’autostrada Salerno-Reggio Calabria”

Continua a leggere
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *