Stai in contatto

Economia

Frodi fiscali per 850 milioni di euro: i furbetti dei “bonus edilizi” contro cui nessuno punta il dito

Pubblicato

il

Frodi fiscali per 850 milioni per indebito utilizzo dei "bonus edilizi"

Nei soli primi dodici mesi dalla loro introduzione, l’Agenzia delle Entrate ha denunciato frodi legate all’utilizzo dei c.d. “Bonus edilizi” per 850 milioni di euro. In particolare, sulla base di quanto denunciato dalla stessa Agenzia delle Entrate, su di un totale di 19.3 miliardi di euro di operazioni edilizie ammesse all’utilizzo dei bonus, il 4,4% delle stesse non ne avrebbe avuto diritto.

Operando un semplice esercizio di comparazione, confrontiamo queste cifre con i dati di spesa pubblica e i casi di relativa frode accertati per il Reddito di cittadinanza.

Secondo uno studio pubblicato dalla Confartigianato di Mestre – non propriamente nota per essere composta da fan della prima ora della spesa sociale – lo Stato, dal 2019 a oggi, ha speso per il Reddito di cittadinanza circa 19.6 miliardi di euro.

La Guardia di Finanza, tra il gennaio 2020 e il settembre 2021, ha comunicato di aver effettuato controlli che hanno fatto emergere frodi e indebite percezioni per 127 milioni di euro.

Vale a dire lo 0,64% dei fondi pubblici complessivamente stanziati.

Il diverso peso sociale delle frodi

Tirando le somme, quindi, in un solo anno lo Stato ha speso per i “bonus edilizi” una cifra nove volte – NOVE! – superiore rispetto a quanto fatto, in tre anni, per sostenere la misura del Reddito di cittadinanza.

I pertinenti controlli condotti hanno fatto emergere un danno erariale, per i bonus edilizi, superiore di quattro volte – QUATTRO! – rispetto a quanto accertato e contestato ai “furbetti” del Reddito di cittadinanza.

Qualcuno di voi ha sentito in TV o letto sui giornali di crociate contro i bonus fiscali per l’edilizia (e le relative aziende di settore)?

Tra di voi c’è chi ha la sensazione di vivere in un ambiente, politico e mediatico, totalmente polarizzato verso questi avidi truffatori e avvinghiatori di danaro pubblico?

Alle risposte, immaginiamo, sarete senz’altro capaci di arrivarci da soli.

Continua a leggere
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *