Stai in contatto

Ambiente

DENUNCIO’ L’ECOMOSTRO/ Di Bello, perseguitato dalla “giustizia” ma assolto: ora aspetta il reintegro

Pubblicato

il

Lago Pertusillo

Lago Pertusillo

Aveva diffuso i dati sull’inquinamento dell’invaso del Pertusillo, in Val D’Agri,  il Tenente della Polizia Provinciale di Potenza Giuseppe Di Bello, con la naturalezza di chi sa di dover fare il proprio dovere, nell’interesse della comunità, si è ritrovato in cambio, un “muro” di gomma,  che ritorcendosi contro gli ha rovinato la vita.

In primo ed in secondo grado, condannato per il reato di rivelazione di segreto d’ufficio, è stato finalmente assolto dalla Corte di Cassazione nei giorni scorsi, e adesso è in attesa del meritato reintegro, considerato che oltre alla gogna “istituzionale”, quest’uomo era stato anche declassato dal suo ruolo, e “riabilitato” se è così che si può dire, con un’altra mansione, quella di guardiano al museo provinciale di Potenza.

Sotto quel lago c’era il più grande giacimento d’idrocarburi d’Europa che ENI e SHELL stavano beatamente trivellando alacremente con il benestare della politica locale che ha cercato ogni scusa per insabbiare questa vertenza; la popolazione delle province di Bari, Taranto e Lecce, bevevano quell’acqua, ma solo quando nel 2011, l’Ehpa (Associazione per la tutela della salute e dell’ambiente di Basilicata) in collaborazione con l’Oipa (Guardie eco-zoofile di Potenza) ha compiuto delle analisi sui sedimenti del lago, provando a dare delle risposte, la popolazione intera è riuscita a comprendere che quell’uomo aveva ragione.

I risultati furono da incubo: in quelle acque,  le concentrazioni di idrocarburi superavano i limiti di riferimento, misuravano fino a 6.458 microgrammi/litro, e cioè fino a 646 volte superiori al limite di dieci microgrammi/litro fissato dall’Istituto superiore di Sanità.

 Tenente Di Bello alla fine di quest’esperienza, cosa le resta?

“Delusione al 100%  tutto fumo e poca sostanza, i cittadini sono ormai schiacciati dalle lobby, non c’è quel rapporto alla pari che dovrebbe essere il cardine di ogni democrazia”

Pensa che questo precedente possa spingere altri suoi colleghi a prendere a cuore la questione ambientale, oppure, visti i guai che ciò le ha comportato, possa incoraggiare altra ed ulteriore omertà in tal senso?

“Se fino all’altro giorno, c’era una scusa per fingere di non vedere, oggi, con una maggiore consapevolezza, ci sono maggiori strumenti per qualcosa di positivo”.

Adesso chi sono i suoi nemici?

“C’è un ostracismo evidente con gruppi di persone che usano i propri uomini nei posti di potere, per colpire le persone semplici che fanno il proprio dovere, pezzi dello Stato impazziti e fuori controllo”

Quali amici ha trovato lungo questo percorso?

“Solo la gente comune, le brave persone, niente politici ne istituzioni”

La sua famiglia le ha mai fatto pesare questa situazione, magari inducendola a pensare: “Ma chi me l’ha fatto fare?”

“La mia famiglia con i miei figli, mi ha sostenuto con forza e amore, solo la mia ex moglie, ad un certo punto è andata via”.

Quando verrà reintegrato (si aspetta la trascrizione ufficiale), dovrà guardare in faccia quelli che in qualche modo l’hanno ostacolato, si sente pronto ad affrontare questa situazione?

“Si, con l’indifferenza, l’unico sentimento possibile in questi casi, perchè quando si parla di salute pubblica, non c’è alcun dubbio su come si deve agire”.

E’ una battaglia tra le tante, quella del Tenente Di Bello, a cui auguriamo tutto il bene che si possa auspicare alle persone coraggiose come lui, martirizzate da quelle istituzioni che dovrebbero tutelare i cittadini e che spesso gli stessi cittadini si ritrovano a dover combattere, per il diritto alla salute.

E noi dobbiamo dirgli solo GRAZIE.

Alberto Guarino

 

 

Continua a leggere
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.