Stai in contatto

Cultura

UNA POESIA DEL 1879 / Le “rriforme” qui in colonia: ieri l’italiaunita, oggi ce lo chiede l’Europa

Pubblicato

il

la follia giornale serio

La copertina di “La Follia giornale serio” (immagine protetta da copyright e non riproducibile)

Antonino Teodoro, poeta, giornalista, fondatore e direttore de La Follia, è oggi, inguistamente, poco noto per non dire sconosciuto ai più.

La Follia era un settimanale, usciva ogni domenica, che con una brillante ironia sferzava i politici dell’Italia umbertina.

Bersaglio preferito di Antonino Teodoro erano le tasse, tante, troppe, assurde. Il governo le riteneva indispensabili per attuare le riforme. Riforme? Sembra di leggere la cronaca odierna. “Ce lo chiede l’Europa”,”dateci il tempo di fare le riforme, ma poi…”. Riforma dopo riforma, le cose vanno puntualmente peggio, ieri come oggi. All’epoca la gente reagì emigrando in massa nelle Americhe. Oggi cosa ci aspetta? (Vincenzo D’Amico)

LE RRIFORME

Mmalora! nuje pe vennerce
Nce stammo la cammisa.
Che fatta s’è na vrenzola
Arrepezzata e accisa !

Fra tasse, allucche e diebbete.
Passammo le ghiornate…
E ancora predicate
Ch’ avit’a riformà ?

Apprimma nce deciveve:
l’Italia s’ha da fare;
Nce vonno sacrifizie..
Avite da pavare.
Mo Roma co Venezia
Mme pare ca l’avite:
Che cancaro volite?
Ch’avimmo da aspettà?

Redenta chest’ Italia,
Giardino de lo munno.
Nuje de riforme, caspeta!
N’avettemo a zzeffuuno,
Ch’ appriesso strascenajeno,
Li guaje e ogne malanno;
E ghiate predecanno
Ca s’ ha da riforma?

Li chiuove che tenevano
Li ricche e li banchiere,
De carta riformasteve,
Pe farle cchiù leggiere!
Li prievete e li muonece
Li’avite riformate;
Mo tutte so sordate.
Ch’avit’ a riformà?

So riformate ll’uommene,
Le bestie e lle stagione !
N’auta riforma simmele,
Da mano a Pappacone,
Non nc’è dint’a la storia!
Si cchiù nce ritornate !
Amice, perdonate,
Nce jamm’a fa squartà.

Vedite ca lo popolo
S’è miezo ‘nfanfaruto ?
Non tene cchiù che vennerse;
Sta comm’ a n’ alloccuto ?
Mo tutte quante strillano:
Campa cchiù non potimmo;
Morimmo, o nò mmorimmo ?…
Che s’ha da riformà ?

Si ste rriforme fossero
Pe fa avascià lo ppane.
Chi sa, forse lo popolo
Ve sbattarria le mmane;
Ma cierte tale diceno:
Pe ste rriforme ccà
Chiù macarano li vivere…
Ch’avimmo da aspettà?

Volite ch’aspettassemo
Ca ‘nzieme co le ttasse.
La morte a farce frijere
Cchiù priesto nce mannasse;
Sulo accossì pò essere
Ca cchiù non s’ addemmanna,
Si cadarrà sta manna
Che state a riformà !!

Antonino Teodoro, 9 Novembre 1879.

Continua a leggere
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.