Stai in contatto

Altri Sud

ECCELLENZE CALABRESI / “Nido di seta”, parlano i ragazzi che “coltivano” i bachi a San Floro

Pubblicato

il

Immagine2

Tre giovani ragazzi, una sfida: riscoprire e riportare in vita le antiche tradizioni.

Questa è la storia di Miriam, Domenico e Giovanna, calabresi “per passione”, che decidono di dar sfogo ai loro sogni in una terra, la Calabria, “senza futuro” (dicono alcuni). Eppure, i nostri ragazzi ce l’hanno fatta! Hanno dato vita alla cooperativa “Nido di Seta”, sita a San Floro (CZ), riprendendo l’antica filiera della gelsi bachicoltura, seguita da attività come l’artigianato e il turismo. Questa è la storia di chi, nei sogni, ci crede; di chi ha coraggio, determinazione; di chi “guarda con occhi nuovi e non cerca nuove terre”.

Miriam Pugliese, una delle ideatrici della cooperativa, nell’intervista a seguire ci racconta “Nido di Seta”, “una storia d’amore per la terra natia”.

Come nasce la cooperativa “Nido di Seta”?

“Nido di Seta” è una storia d’amore per la nostra terra natia. In un momento di crisi, tre giovani hanno pensato di tornare al sud ed investire i propri risparmi nella tradizione – nel nostro caso la seta. San Floro (CZ) è produttrice di bozzolo fresco dal 1400; la bachicoltura era alla base dell’economia contadina.

Di cosa si occupa la vostra cooperativa? Avete a disposizione una vasta gamma di attività, dalla gelsi bachicoltura all’artigianato e così via…

Sì, noi abbiamo diversi rami: l’agricoltura, l’artigianato e il turismo. Oltre ad allevare il baco da seta, abbiamo due ettari di terreno che coltiviamo biologicamente per il nostro punto di ristoro, che accoglie i visitatori internazionali e non. Poi l’artigianato, poiché noi facciamo tutto il processo serico dall’allevamento del baco all’estrazione della seta alla tintura naturale e tessitura. In più abbiamo creato una linea di gioielli in seta e ceramica collaborando con il comune di Squillace (CZ), famoso per la ceramica DOC, e un artista catanzarese che si occupa di ceramica raku.

Com’è nata la vostra collaborazione con il comune di Squillace (CZ)?

Collaboriamo con una bottega, Deco Art. La collaborazione nasce dalla condivisione dell’idea di creare un gioiello.

Parlami di San Leucio (CE).

San Leucio (CE) è una realtà industriale campana molto importante, che ha una storia affascinante. Abbiamo in esposizione, nel nostro museo della seta, un loro damasco, un’eccellenza del Sud anche quella.

Miriam, cosa spinge tre giovani ragazzi a riscoprire e riportare in vita le tradizioni?

Ci ha spinto la voglia di voler vivere la nostra terra. Purtroppo si è indottrinati all’idea che se uno vuole lavorare deve andare al nord o all’estero, ma non è assolutamente così. Nella nostra terra c’è tutto da fare, e noi abbiamo a cuore le nostre tradizioni. Vediamo in questo la chiave per il futuro.

Tu, Miriam, sei nata in Calabria, pur avendo vissuto per 23 anni al nord Italia. Cos’è che ti ha riportato qui?

Io ho vissuto fino a 23 anni in provincia di Varese, e lavoravo come hostess per la compagnia di bandiera tedesca. Con i tagli del personale sono stata licenziata e mi sono trasferita a Berlino. Lì, lavorando e studiando la lingua in solitudine, ho avuto modo di riflettere tanto sulle potenzialità della nostra terra e, carica di energia positiva, mi sono trasferita direttamente in Calabria. In quel momento ho incontrato Domenico, che si stava laureando all’università di Napoli. E’ stato lui ha lanciare l’idea di riprendere la nostra tradizione serica. A me è piaciuta subito l’idea, così com’è piaciuta a Giovanna, artista diplomata presso l’accademia di Squillace (CZ). In quel momento è nata l’idea di “Nido di Seta”.

Eleonora Greco

 

 

Continua a leggere
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.