Stai in contatto

Ambiente

TERRA DEI FUOCHI BRESCIANA / Arresti per l’inchiesta sulla Tangenziale costruita sui rifiuti tossici

Pubblicato

il

brescia

Ci siamo già occupati, in passato, di “Terre dei fuochi padane” e di inchieste relative a traffici di rifiuti tossici in Lombardia, Veneto, Piemonte. E’ notizia di oggi l’arresto di sette persone, per le quali sono state chieste varie condanne  per un totale di ventisette anni di reclusione, nell’ambito della tristemente famosa inchiesta sulla Tangenziale di Orzivecchi, nel bresciano.

Pierluca Locatelli, Orietta Rocca (sua moglie), Angelo Suardi, Andrea Fusco, Giovanni Battista Pagani, Bortolo Perugini, Bartolomeo Gregori, gli imputati. Frode, truffa, traffico illecito di rifiuti, i capi d’imputazione.

La  famosa ‘Orceana’, ricordiamolo,  costruita utilizzando RIFIUTI TOSSICI come COPERTURA E FONDO STRADALE, è la punta di un iceberg di uno scandalo enorme, che ha coinvolto anche dipendenti della Provincia di Brescia, oltre ad imprenditori e periti. La “banda” acquistava scorie non trattate, provenienti da fonderie e dichiarate come materiale conforme alla chiusura delle gare per aggiudicarsi gli appalti.

La vicenda della Tangenziale di Orzivecchi, però,  non è affatto un’eccezione in Lombardia. Ricordiamo, ad esempio, l’inchiesta sui cantieri BreBeMi che condusse all’arresto di Franco Nicoli Cristiani, esponente di spicco del PdL lombardo, nel 2011. Oppure, la bufera che investì il Broletto e che portò all’arresto di Pietro Bondoni, dell’assessorato ai Lavori Pubblici e per Mariano Gaburri, consigliere della Gaburri spa.

Sappiamo, ormai, con certezza che molte tra le strade più importanti del bresciano sono state costruite su montagne di rifiuti tossici, come la Lenese o la strada provinciale delle Tre Valli. Un “inciucio” permesso da alcuni funzionari corrotti della Provincia di Brescia che avrebbero agevolato falsificato degli atti ufficiali e fatto pressioni per agevolare alcune gare d’appalto, naturalmente truccate. E potremmo continuare ancora, vista l’enorme matassa “rifiuti tossici e corruzione”. Naturalmente, nessun opinionista della prima e dell’ultim’ora si è lanciato in indagini sociologiche. Nessuna campagna che inviti la gente a non consumare prodotti lombardi. Nessuna etichetta di “conniventi, zozzi, camorristi” per i lombardi, anche se quei rifiuti provengono dalle zone circostanti, a differenza di quelli che ammorbano alcuni territori campani e che provengono tutti dal Centro Nord grazie ad accordi stretti tra imprenditori tosco-padani e criminalità locale.

Questa è una storia che non sentirete spesso  nelle TV italiane ed esprimiamo la massima solidarietà alle migliaia di uomini, donne e bambini che si ammalano di cancro, ogni anno, in quelle aree di cui non si parla per non danneggiare il mercato della “locomotiva d’Italia”. Detto questo, attendiamo le indagini sociologiche, le parole istituzionali sugli “stili di vita” dei lombardi che si ammalano, le campagne mediatiche contro le industrie che su quei terreni ci coltivano le mele radioattive e i pomodori all’amianto che mangiate per non mangiare quelle campane. E sappiamo che aspetteremo per secoli…

Drusiana Vetrano

Continua a leggere
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.