Stai in contatto

Identità

ECCELLENZE RUBATE / Expo-Trieste-Report: miscela torbida ai danni del caffè napoletano

Pubblicato

il

caffè napoletano

Expo-Trieste-Report: miscela torbida come il caffè. Ci riferiamo, naturalmente, alla bislacca “promozione” di Trieste a capitale del caffè. Ora, noi possiamo anche ridere di questa follia.

Possiamo anche ricordare che, sebbene la città giuliana si sia dotata, negli ultimi decenni, di una facoltà dove si studia “il caffè” e di un’associazione territoriale, il legame tra Napoli e il caffè è antico, secolare, proverbiale.

Ma mentre noi ridiamo, alcuni signori sopra le nostre teste tentano di soffiarci l’ennesimo primato, e fanno accordi milionari.

Dicevamo…Trieste, Expo e Report. Appare quanto meno curioso che pochi mesi fa, il noto programma RAI “Report” si fosse interessato al caffè napoletano, designandolo come “ciofeca”. La “ricerca” fu condotta in una maniera molto “amatoriale”, al di sopra del rispetto di ogni protocollo. Con soli 9 assaggi, si decretò la “fine” del primato napoletano.

E lo “studioso” a capo di questa “ricerca”, il TRIESTINO Andrej Godina si pavoneggiava un po’ ovunque di aver definitivamente sfatato il mito della tazzulella ‘e cafè. Andando a fare una ricerchina su questo signore, scopriamo che, oltre ad essere triestino, ha conseguito un dottorato in materia di caffè con una tesi su Illy caffè.

Inoltre, è il referente italiano della Speciality Coffee Association of Europe. Che c’entri qualcosa questo signore con l’accordo stretto tra la triestina Illy ed Expo, non ci è dato sapere? È facile, però, farsi prendere dal sospetto dal momento in cui, pochi mesi fa, un “uomo” della Illy aveva letteralmente massacrato il caffè napoletano e la sua millenaria tradizione.

E che sia proprio il caffè triestino protagonista della vetrina di Expo. Per cui, si potrebbe trattare semplicemente di una sponorizzazione “comandata” a fini promozionali..

Ci rendiamo conto che, senza prove a suffragio, le nostre possono apparire visioni da complottisti. Prendeteli per ciò che sono: sospetti. A volte, a pensar male si fa peccato ma..

Drusiana Vetrano

Continua a leggere
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.