Stai in contatto

Identità

Un altro anno senza l’incendio del Carmine: così si cancella la tradizione

Pubblicato

il

Neppure quest’anno si rinnoverà il tradizionale spettacolo pirotecnico dell’incendio del campanile di Fra’ Nuvolo, che si svolgeva il 15 luglio per festeggiare la Madonna del Carmine.

Ogni anno si è trovata una scusa diversa

È già da alcuni anni che questa antica usanza viene a mancare. Vuoi per l’impalcatura che copriva interamente la struttura, vuoi per i lavori nel piazzale antistante la Basilica del Carmine Maggiore, vuoi per il Covid, c’è sempre stata una ragione per veder oscurato questo sano momento di aggregazione, a metà tra Fede e folklore, sempre atteso da chi accorreva anche dalla provincia per assistere alla gioia, naso in su, grandi e bambini, come se quelle esplosioni di luce potessero bombardare la mala sorte e le negatività, con l’intercessione della Madonna Bruna.

La gente del quartiere senza festa: un cantiere eterno

Uno spettacolo gratuito, a disposizione di tutti e a dispetto delle avversità, da sempre organizzato dalla gente del quartiere.

Ancora quest’anno, dunque, torna l’impossibilità di perpetrare la tradizione, a causa del cantiere eterno che insiste in Piazza Carmine per dei lavori ben meno complessi di quelli che per anni hanno tenuto ingabbiata l’attigua Piazza Mercato, e che al termine hanno prodotto, non senza ulteriori problematiche sotterranee, quel non meglio identificabile sgorbio desolato ed inutile, non idoneo nemmeno per le partite a calcio tra scugnizzi o come spazio mercatale di qualche utilità anche sociale.

L’incapacità istituzionale la fa da padrone

Piazza Carmine è l’ennesimo esempio di incapacità istituzionale a essere di servizio alla Città, lasciando che tra progetti, realizzazioni e ultimazioni trascorressero anni se non decenni, senza un occhio vigile e opportune verifiche sullo stato di avanzamento dei lavori, se non addirittura sulla serietà di imprese e relative capacità.

Se il problema è la condizione della piazza, allora è triste che si lasci scorrere tempo senza una ribellione di sorta, da parte dei negozianti e dei fedeli, affinché si renda possibile che si svolga il tradizionale evento dell’incendio del campanile e la funzione religiosa in piazza.

I Carmelitani vogliono cancellare per sempre la festa?

Ma c’è chi vocifera di una velata intenzione, da parte dei padri Carmelitani della storica Basilica, di cancellare definitivamente l’evento dai calendari, non si sa per quale motivo. Se così fosse, sarebbe un torto alla nostra stessa storia, se non alla Fede popolare espressa nelle sue più classiche e antiche esternazioni.
Non è una mera questione di folklore, e non si tratta di inutili tradizioni.

Non si faccia cadere nell’oblio l’incendio, come accaduto per Piedigrotta

Napoli ha vissuto per secoli di eventi atti ad essere motivo di aggregazione e di gioia nonostante le difficoltà contingenti. Ma da decenni a questa parte, tali ricorrenze sono lentamente cadute nell’oblio, a partire dalla storica festa grande di Piedigrotta che coinvolgeva tutta la città, fino ad arrivare ai più semplici eppure vitali eventi limitati ai singoli Quartieri, per ricordare a tutti la Bellezza antica e la storia di devozione popolare.

Schiacciati sempre più da prodotti sociali lontani da noi anni luce, stiamo dimenticando la nostra identità e la sua vitale essenza, alimentando ulteriormente quel divario che ha permesso troppo a lungo di essere schedati come terroni da chi ha saputo solo arricchirsi alle nostre spalle, derubandoci della nostra Storia e dei suoi tesori.

L’incendio del Campanile è la nostra storia

L’occasione dell’incendio del Campanile del Carmine dovrebbe allora diventare la scintilla necessaria a ravvivare nuovamente il nostro orgoglio per ciò che è bello, antico, e che ha rappresentato il modo tutto partenopeo di scandire il calendario attraverso date legate a storie, fatti, personaggi, e volendo anche leggende e tradizioni apparentemente effimere, ma che hanno nutrito generazioni di sognatori.

Bisogna battersi per ripristinarlo

Quegli stessi che, nell’Arte e nella Cultura, hanno permesso di dare a Napoli la forza di continuare a vivere e a combattere per centinaia di secoli, nonostante tutti i tentativi di annullare noi e le nostre capacità di rialzarci ogni volta, più forti e (mi si perdoni il francesismo) più incazzati, intenzionati a non mollare la presa, pur di ottenere da chi ci governa a qualsiasi livello ciò che ci spetta di diritto: la Dignità!

Continua a leggere
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.