Stai in contatto

Attualità

PRIMA IL VENETO / Miliardi per salvare le banche del Nord: a lezione di colonialismo con Italiaunita Spa

Pubblicato

il

La prima cosa che ci è venuta in mente quando abbiamo sentito la notizia del salvataggio delle banche venete Popolare di Vicenza e Gruppo Veneto Banca – il ministro Padoan ha parlato di 17 miliardi che usciranno dal cilindro magico del governo Gentiloni – è stata la fine ingloriosa del Banco di Napoli. Subito dopo avviamo appreso che protagonista del piano di salvataggio sarò lo stesso ente che ha inglobato il nostro unico e storico ente di credito: il gruppo torinese Intesa Sanpaolo, che parteciperà all’operazione acquistando la parte sana delle banche venete, mentre lo stato si farà carico della cosiddetta “bad bank”. Intesa aveva formulato alcune condizioni per partecipare all’operazione nel corso del fine settimana; condizioni che, a quanto sembra, sono state in gran parte accolte dal governo.

Credo che tutti conoscano, almeno in parte, la storia del Banco di Napoli. Fonti storiche accreditate ne collocano la nascita non più tardi del 1463, designandola come la più antica banca d’Italia e tra le più antiche del mondo.

Il banco di Napoli era il più importante istituto di credito dell’Italia intera e continuò ad esserlo anche dopo il 1861, nonostante gli innumerevoli saccheggi da parte della teppaglia sabauda, quando ancora Napoli, Salerno, Bari avevano PIL uguale o superiore alle città del Centro-Nord.

Poi vi fu il ridimensionamento ad appannaggio della Banca Nazionale del Lavoro, con funzioni limitatissime e circoscritte territorialmente, fino ad arrivare alla vergognosa manovra che portò l’Ente Banco di Napoli ad essere venduto all’asta e, nel 2002, ad essere assorbito dal Gruppo Sanpaolo che ne acquisì anche la proprietà del patrimonio immobile e materiale (fatta eccezione, per fortuna, dell’Archivio Storico, oggi Fondazione Banco Napoli, unica cosa rimasta alla città).

E’ facile comprendere quanto la deprivazione di una banca territoriale pesi sulla devastata economia del Sud che, senza una banca locale, non si rimetterà mai in piedi.

Ma quella delle banche venete è un’altra storia, direbbe qualcuno.

Non proprio, diciamo noi.

Perché, ci porta inevitabilmente ad osservare le due misure che, come da copione, si applicano alle questioni “nazionali”, che più che nazionali sono coloniali.

Eh sì, perché chissenefrega se i terroni non hanno una banca. Anzi, meglio! Senza una banca propria, è più facile controllarne l’economia, le preferenze politiche ed imporre le banche padane come custodi dei risparmi di una vita.

Mentre per veneti, milanesi, toscani il discorso cambia totalmente. Il Nord produttivo, “locomotiva” di un paese farsesco, non può essere privato di una parte così importante nella filiera economica, per la costruzione di quel mitico PIL che solo in Italia include una discriminante territoriale.

Dunque, lo Stato italiano stacca assegni miliardari – che, naturalmente, pagheremo noi- e vara leggi in tempi record per salvare cavoli e capre, e così permetterà ai veneti di continuare a fare impresa, poter chiedere prestiti e poter produrre. Possibilità negata per sempre ai meridionali,  ma l’importante è continuare a far crescere sempre e solo una parte del paese.

Insomma, uno Stato che non garantisce più diritti a nessuno, neanche alle fasce più deboli,  che promuove una sanità allo sfascio e non comincia mai a fare i conti  col 50% ed oltre di disoccupazione giovanile, regala la bellezza di DICIASSETTE MILIARDI alle banche dell’efficientissimo sistema padano.

I meridionali, però, in larga parte, invece di avviare una rivoluzione contro i cialtroni della politica locale e i colonizzatori, se la prendono ora col musulmano, ora col migrante, e si fanno ancora strumentalizzare da chi questa situazione di povertà generale l’ha creata. Anzi: il denaro speso nel salvataggio sarà automaticamente conteggiato come nuovo debito pubblico: se saranno spesi tutti i 17 miliardi di cui si parla in questi giorni, l’aumento del debito pubblico sarà pari a un intero punto di PIL.

Sarebbe anche divertente capire Salvini e i salviniani cosa pensino REALMENTE di questa faccenda in cui non c’è spazio per strumentalizzazioni e capri espiatori.

I veneti, comunque, potranno dormire sogni tranquilli e continuare a godere di prestiti per l’impresa. I correntisti sono praticamente salvi e pare anche i loro risparmi.

Non saranno colpiti correntisti con depositi oltre i 100.000 euro, naturalmente,  ma questa manovra, dopo quella famosa per risollevare le sorti del Monte dei Paschi di Siena, rischia di diventare una prassi pericolosa.

E dato che il Sud non ha banche e che il sistema bancario è in crisi, prepariamoci ad affrontare tempi ancora più duri, cari fratelli Terroni .

Senza lamentarcene troppo, però. E senza fare vittimismo, mi raccomando! Perché alla fine, le colonie a questo servono. E se sono colonie “felici” – e inconsapevoli – tanto meglio…

Drusiana Vetrano

 

 

Continua a leggere
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.