Stai in contatto

Italia

IERI COME OGGI / Da “Lo Trovatore” del 1871: la repressione italiana è storia antica

Pubblicato

il

lo trovatore
La lettura di un articolo de “Il Trovatore” del 19 agosto 1871 ci porta a conoscenza di una storia di ordinaria violenza di uno stato che si reggeva grazie alla forza bruta. Leggendo questo articolo mi sono venute in mente alcune tristi vicende, tra le innumerevoli susseguitesi in quegli anni. Il sedicenne Antonio Colucci di Baiano, fucilato per “essersi trovato al posto sbagliato nel momento sbagliato” (Francesco Durelli, in Colpo d’occhio su le Due Sicilie nel corso del 1862); le sorelle Avitabile di Napoli, arrestate per aver esposto la bandiera borbonica o forse per via di un lenzuolo, citate da Lord Lennox nella Camera dei Comuni, seduta dell’8 maggio 1863. Ma ogni tragedia ha sempre un aspetto comico, non a caso Giacinto de’ Sivo, redasse “La Tragicommedia”. Scorrendo il “Viaggio nel Reame di Napoli” del visconte A. de Poli, alla data 2 agosto 1862, si legge: “I piemontesi fucilano ad Orsogno un asino carico di fieno che si avanzava sulla via senza rispondere alle intimazioni delle sentinelle (?!)”. (Vincenzo D’Amico)
SI BASTONA E S’INCARCERA
nella Italia costituzionale, anno 1871 ,
undecimo della riparazione
e civilizzazione !!!
Quando ai tempi della voluta negazione di Dio, in cui al dire di quello ingannato Gladston, socendoché suggerivagli quel povero giullare del Poerio, di non lodevole memoria, d’ordine del vecchio nemico dei Borboni lord Palmerston, la giustizia era un desiderio, le leggi un ammasso informe di brutalità, e gli agenti governativi talvolta buffoni, e tal’altra barbari, ma sempre ingiusti,
capriociosi, a vili strumenti della esosa tirannide Borbonica, un impiegato od agente della pubblica forza cha permettevasi uscire dai limiti ad esso assegnati dalle leggi e dai Regolamenti, usando nello esercizio delle proprie funzioni modi brutali; vi era un tribunale ove giudici imparziali richiamavano alla stretta osservanza della legge il manchevole, e severamente lo punivano. Oggi viceversa, quando maggiormente da qualunque miserabile scalzagatti che occupa una carica governativa vuoi pure di usciere, bidello, ed inserviente, chiunque veste un’uniforme sia anche di doganiere, altra volta detti pubblicani, esercita le proprie funzioni a furia d’illegalità, soprusi, di abusi e tirannie, lo si chiama attivo, zelante energico, e conseguentemete lo si premia invece di mandarlo all’Assisie…. Effetto della libertà! I nostri lettori vorranno conoscere il perchè di queste nostre parole, ebbene, leggano e fremano.
In Bacoli, villaggio presso Baja a Pozzuoli, e propriamente alla spiaggia detta Mare morto, mercoledì scorso 9 agosto, due giovanette portandosi ad una palude prossima (ossia orto) per comprare dei peperoni poco discoste da quella vennero proditoriamente aggredite da due guardie daziarie le quali ostinandosi a dire che le fanciulle andavano a prendere del sale sulla Marina, ove si forma naturalmente, ove anticamente la povera gente sotto il governo dei Barbari andavasi a provvedere di sale gratuitamente, mentre oggi colà evvi una forza imponente affin d’impedire agl’infelici quel tenue sollievo! le percossero barbaramente, malgrado le ragioni che quelle due malcapitate figlie del popolo adducevano, senza muoversi a pietà delle grida di dolore che esse alzavano… tanto, che trovandosi colà dei lavoratori a raccogliere la rubbia, uno di essi voltosi ai compagni disse: avrebbero dovuto essere sorelle a me quelle disgraziate… parole minacciose è vero, ma provocate dallo sdegno che metteva in ogni sensibile cuore la vista di quella crudeltà usata verso due donnicciuole… udite dai due eroici bastonatori di povere fanciulle quelle parole, corsero a chiamare i compagni nel vicino posto, e ritornati in numero di 9 gettaronsi furiosi sul poveretto che avea parlato, spietatamente percotendolo in ogni parte del corpo; al che accorso il colono del fondo certo Sozio Caramante affindi rabbonare quei furiosi, questi lo colpirono sì fieramente col calcio dei fucili che fattolo cadere a terra ivi legaronlo a guisa di un bandito, menandolo poscia tutto ammaccato e pesto innanzi alle autorità costituzionali e liberali di Pozzuoli, le quali senza ascoltar ragione lo fecero rinchiudere in carcere ove tuttora sta…
Sono tali fatti questi, che si commentano da sé… poiché oggi gli agenti del governo riparatore e nazionale sono tanti aguzzini da galera, e le aututorità (salvo l’eccezioni) tante mummie ministeriali, o capricciosi tirannucoll in ottantaquattresimo…
Per la croce di Dio! Ma che dunque siamo un branco di pecore noi? o asini cui spetti portar la soma,
mangiar paglia e ricever busso? Ma, signori Ministri, signore autorità, il popolo à dritto , o no, di venir rispettato da chicchesia? Ovvero ciascun cittadino deve essere imptuientente accoppato, se non vuole reagire con la forza contro la forza? Signor Prefetto della Provincia, signor Direttore delle Gabelle, esiste, o no una legge per le guardie di Dogana che vieta loro rigorosamente gli atti brutali?
Ed è giusto bastonar così per un supposto ed immaginario delitto non tentato, nè indiziato duo povere fanciulle che andavano a comprar peperoni onde sfamar se stesse e le loro famiglie, giacchè oggi a tale ci à ridotti il governo dei ladri? E poscia bastonare ancora un povero uomo che voleva farla da mediatore.
Ma dunque in che tempi siamo, dove sta la gerentia e la inviolabilità dell’individuo? Signori, pensateci… Noi nel nome di tutti gli onesti vi cerchiamo una esemplare punizione per i rei, e che quelle guardie di Dogana imparino a proprie spese come vanno rispettati i cittadini… La legge deve esservi per tutti, o sivvero il popolo potrà farsela da sé…
Fate senno, o signori , e ricordatevi che mai come ora la misura è colma… guai se trabocca… aspettiamo quindi che giustizia sia fatta, e che quelle guardie risarciscano del patito danno le due
fanciulle, e l’altro che giace nelle prigioni. Sappiamo che oggi le leggi sono una fiaba , ma potrebbe accadere qualche fatto deplorabile il quale tion sarebbe certo piacevole !!!… Ecco un esempio parlante del come si rispetta il figlio del popolo in questi tempi, in cui ai governa per volere della Nazione, ed il nome popolo si usa come mantello per coprire le birbantate di un partito immorale, disonesto e furfante.
Continua a leggere
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.