Stai in contatto

Mitariello

IL MITARIELLO / Di tutto è capace il Munaciello che scorrazza nelle case partenopee

Pubblicato

il

« Chiedete ad un vecchio, ad una fanciulla, ad una madre, ad un uomo, ad un bambino se veramente questo munaciello esiste e scorazza per le case, e vi faranno un brutto volto, come lo farebbero a chi offende la fede. Se volete sentirne delle storie, ne sentirete; se volete averne dei documenti autentici, ne avrete. Di tutto è capace il munaciello… »
(Matilde Serao, Leggende napoletane)

Napoli, salita mezzocannone intorno al locale greco “Neapolis”

Una coppia sotto un ombrello giallo passeggia andando verso l’obelisco di piazza gesù, evitando gli scoppiati che la popolano la sera.

“gennà sai che quei dolmades  erano davvero ottimi?

“si, sono stati davvero una piacevole scoperta, accompagnati dalla mythos ghiacciata poi, la morte loro.”

ripresero a camminare mentre una leggera pioggia iniziava a bagnare i cazzimbocchi che compongono la pavimentazione del centro napoletano, facendo diventare una camminata  normale un passaggio letale su una lastra di ghiaccio, roba che jon snow circondato dai non morti nell’ultimo episodio di GOT stava a fare la pasquetta n’gopp monteparchio irpino.

…il mistero dell’obelisco di piazza del gesù è dato da l’insieme agli episodi biblici e alle sculture dei vari santi, siano state realizzate anche figure blasfeme richiamanti la morte che, però, sarebbero visibili solo dal alcune angolazione e in particolari condizioni di luce…

mentre fissavano la maestosità dell’opera dei gesuiti stagliarsi all’orizzonte, l’occhio cadde su un bambino che coperto da un impermeabile giallo seguiva una barchetta di cartone che navigava nei canali di scolo.

“uaglionoooooooooo”

una voce dal basso, da sotto il marciapiede.

“oh crè, che vai truann nè”

(si sà che i  bambini al giorno d’oggi sono molto più precoci)

“t vuò accattà nu palluncin?”

“mi dispiace, mammà a’itt che nun m’aggià piglià a robb a rind e’saittell a man e’pagliacc”

e  scappò via, insultando il pagliaccio compreso mamma e sorella.

Colpiti dalla scena, la coppia di ragazzi si avvicino alla saitella per vedere più da vicino questo strano essere pagliaccesco e scoprirono che non era nient’altro che il famoso pagliaccio  Pennywise , dal film IT, caduto in disgrazia dopo i fasti degli anni 80\90.

o’paglià, ma che ci fai qua sotto?”

eh, dopo i magnifici anni 90, anni di fama, ragazze e sopratutto droga ho perso tutto. Pensa che il mio naso rosso non era dovuto al trucco, ma allo zucchero a velo che tiravo.

Mò invece per fortuna ho vinto il concorso da munaciello, sennò dovevo andare a mangiare o’circo orfei o peggio candidarmi al comune di napoli, tanto il livello è quello.”

‘O munaciello, in napoletano, significa il piccolo monaco. Uno spiritello leggendario che pare abbia le fattezze fisiche di un ragazzino deforme (o di una persona di bassa statura), abbigliato con un saio e fibbie argentate sulle scarpe; si palesa nelle case napoletane in tre modi

modi di simpatia, lasciando monete e soldi nascosti dentro l’abitazione, oppure facendo scherzi innocui che possono essere trasformati in numeri da giocare al lotto.
Di antipatia, nascondendo oggetti, rompendo piatti e altre stoviglie, soffiando nelle orecchie dei dormienti
Di apprezzamento, sfiorando con palpeggiamenti le belle donne.
“o’paglià si pur rattus amm capit”

in nessuno dei casi però, positivi o negativi che siano si deve rivelare di aver ricevuto la visita del suddetto, pena sventure e disgrazie.

«o munaciello: a chi arricchisce e a chi appezzentisce»,

Pur essendo di natura dispettosa, il munaciello ha un cuore d’oro perchè si dice che appaia nel cuore della notte solo  a coloro che sono nel più estremo bisogno, dopo che abbiano fatto tutto ciò che è possibile fare per alleviare l’angoscia che si è abbattuta su di loro e dopo che tutto ciò che è umanamente possibile abbia fallito portandoli nel posto dove nasconde il suo bottino formato da tesori frutto  di guadagni illeciti o i frutti del lavoro industrioso, messi da parte per le occasioni d’amore e di carità. Infatti si dice, parlando di coloro che hanno avuto fortune improvvise che “Forse avrà il munaciello in casa”

si ma t pigl tu stu palluncin?

o’paglià e ia, ztto nella saitella che sto finendo la spiegazione della leggenda t par o’cas?

e ia, tengo pur e’cd pezzott, e sigarett

siccome ogni leggenda, pur assurda che sia affonda la propria nascita in qualche storia antica anche questa non fa eccezione, anzi, esistono almeno tre versioni.

La prima racconta e identifica il munaciello come il figlio il figlio di Caterinella, una signorina di buona famiglia rinchiusa in convento dopo che il suo fidanzato (sgradito alla famiglia di lei) fu assassinato nel 1445. Il bambino fu cresciuto nel convento, dove le suore mascherarono le sue deformità con un abitino da monaco (da cui il diminutivo munaciello), fino a quando egli morì in circostanze misteriose. Dopo la sua morte, il popolo napoletano continuò a vederlo nei posti più disparati, ed iniziò ad attribuirgli poteri magici connessi al fatto che dalle sue apparizioni potevano ricavarsi dei numeri fortunati da giocare al lotto.

Quella forse più realistica invece parla del munaciello come di un più “terreno” pozzaro, colui che puliva e lavorava nel sottosuolo napoletano e negli stretti pozzi, nelle cavità carsiche che sono sotto napoli, riuscendo a spuntare nelle case di nascosto, talvolta per la gioia delle signore.

“signor munaciello pagliaccio delle saitelle, le auguro ogni bene ma non mi serve niente”

” e ia fratellò, due euro a piacere pure per i colleghi  in vacanza ospiti dello stato… pigliatell stu palluncin..”

Secondo la tradizione, infatti il munaciello infesterebbe ancor oggi alcune zone di Napoli e del suo circondario. Pare, infatti, che lo spirito si manifesti nelle seguenti zone:

  • Nella zona napoletana di Sant’Erasmo, presso i Ponti Rossi;
  • A Secondigliano, nella periferia nord della città;
  • A piazza Garibaldi;
  • Nel centro storico partenopeo, principalmente presso il Decumano maggiore;
  • A Castellammare di Stabia, tra il massiccio vulcanico del Vesuvio e la costiera sorrentina.

il più famoso ovviamente è quello del centro storico, citato anche dalla Serao.

« La tradizione vuole che a via dei Tribunali, nel centro storico napoletano, sia presente una casa abitata da un munaciello piuttosto irascibile. L’abitazione, molto temuta dai napoletani, fu presa in affitto da uno studente di filosofia per pochi soldi.

Il munaciello, dopo pochi mesi, iniziò a sottolineare la sua presenza. Dapprima iniziò a produrre rumori improvvisi e a far sparire oggetti; il giovane, dando la colpa ai topi, comprò un gatto. Indispettito da tale indifferenza, lo spirito lasciò cadere la mensola della cucina, sulla quale tuttavia erano posti i piatti e le porcellane. Non scomponendosi, lo studente non esitò a dare la colpa alla scarsa robustezza dei chiodi. Non dandosi per vinto, il munaciello iniziò quindi a suonare il campanello, a qualsiasi ora del giorno e della notte; lo studente tuttavia diede la colpa ai ragazzi del posto.

Roso dall’arrogante strafottenza dello studente, lo spiritello diede sfogo alla sua frustrazione, facendo con piatti, pentole, coperchi e tutto ciò che gli capitasse tra le mani un frastuono tanto rumoroso che era udibile addirittura a chilometri di distanza. Il ragazzo, spavaldo, continuò a dormire.

A questo punto, dopo esser stato umiliato per l’ennesima volta, il munaciello si presentò al giovane, credendo finalmente di esser riuscito nella sua impresa. Lo studente, tuttavia, pensò che fosse tutto un sogno. Stanco e provato, lo spirito riconobbe la sconfitta, riuscendo a far promettere comunque al giovane di non rivelare mai a nessuno quanto visto: «Vedrai che non te ne pentirai!». Il munaciello mantenne la promessa, tanto che il giovane divenne poi ricco e famoso. »

incominciò a piovere più forte, la coppia si allontanò di fretta sotto i porticati, stretti sotto all’ombrello giallo e parve di sentire la voce sfocata di  Pennywise  che faceva:

.non fate i caini, compratevi i palluncini.

Aniello Napolano

 

Continua a leggere
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.