Stai in contatto

Identità

IL REGALO DI D’AMICO EDITORE / Dalla rivista “La Sirena” un augurio pel capodanno ed altri giorni festivi del 1845 dedicato al Sebeto

Pubblicato

il

Il Sebeto è un piccolo fiume ad Oriente della città di Napoli, il quale nasce alle falde del monte Vesuvio, e dopo un corso di circa otto miglia mette foce nel golfo al ponte detto della Maddalena.

Chi mi conosce sa che sono molto affascinanto dalla stampa napoletana del XIX secolo. In occasione del capodanno del 2017, mi sono regalato “La Sirena augurio pel capodanno ed altri giorni festivi, anno primo, 1845 a cura di Vincenzo Torelli (1807-1882), direttore dell’Omnibus”.
Vincenzo Torelli è stato uno dei più importanti giornalisti napoletani dell’Ottocento, fu nel 1833 tra i fondatori dell’Omnibus, una delle pochissime riviste della Napoli borbonica che continuò ad essere pubblicata anche dopo la fine del regno napoletano, cessando le sue attività nel 1882, quando ormai erano morti quasi tutti i maggiori protagonisti del risorgimento.
Nel 1838 fondò L’Omnibus Pittoresco, una rivista caratterizzata da belle litografie dedicate a monumenti e personaggi storici patri ed esotici.
Ma il giornalismo ottocentesco fu anche caratterizzato dalle strenne natalizie e non poteva mancare la strenna di Torelli, La Sirena appunto, di cui vi proponiamo un articolo, estrapolato dalla sua prima annata, dedicata al Sebeto. Il misterioso e affascinante fiume di Napoli, oggi ridotto a un “rigagnolo tra i rifiuti”. 

Vincenzo D’Amico
info@damicoeditore.it

Io ti saluto, o patrio fiume, o ridente Sebeto! Povero d’acque, il so, tu non puoi stare al paraggio del Volga, del Reno, del Danubio; come il Tamigi non puoi vantare la gloria di tenere aperto sotto il tuo letto immenso e spazioso sentiero a’ tuoi cittadini; come il Garigliano ed il Calore, nelle nostre regioni, non puoi additare lunghi svelti ponti di ferro; nè il tuo dorso gentile sostenne mai il peso di guerriere navi o di volanti vascelli, che animati da igneo vapore e sospinti dall’impeto della corrente, portano in poche ore le dovizie di un paese ad un altro. Ma al pari di questi aquei colossali volumi, tu non rammenti sulle tue sponde la strage de’ tuoi figli, le battaglie, gli orrori; non hai vedute le tue acque tingersi in rosso del sangue versato dalle ferite dei combattenti, non hai inghiottito ne’ tuoi gorghi intere falangi, nè trasportato nei mari sozzi e luridi cadaveri. Come la Senna ed il Tevere non scorri torbido e limaccioso, nè come il rapido e disdegnoso Rodano ingeneri nei risguardanti spavento e terrore. I tuoi seni non sono siccome il Nilo stanza d’immani mostri, nè mai ristagna in fetide paludi il tuo corso. Ma freschi e potabili sono le tue acque, modesti e gentili i tuoi pesci, sempre schietto e soave il tuo cammino. Tu come gli altri tuoi maggiori fratelli non spumi e ribolli di orrendi flutti, allagando campagne e città , minacciando greggi e pastori, portando morte e ruina ; nè pari al ruscelletto superbo dell’onda accresciutagli nel maggio da’ liquefatti geli, lasci ecsiccato in agosto il tuo alvo. Sempre eguale e tranquillo è il tributo che rechi ai Tirreno; nè per furiar di venti o variar di stagioni alteri mai i tuoi umori.
O limpido rivo! la emozione che provo nel vederti non lascerà rammentarmi le gare di cui fosti cagione involontaria fra i dotti delle scienze antiche. Qual nuovo pregio acquisti ai miei occhi se ne’secoli andati fosti il Clauro o il Viseri, se di qua o di là piuttosto deviava il tuo corso? lo rammenterò più volentieri i tuoi fasti, i tuoi poetici encomi, il vanto di aver inspirato con le tue modeste bellezze il cantor mantovano, l’autor dell’Arcadia, i più grandi poeti del nostro paese. Io guarderò piuttosto i campi che inaffi, le macchine idrauliche che animi, i vantaggi che arrechi; chè questa è vera gloria, lo narrerò come cortese sei di molli aure, come ospitale ad accogliere nel tuo grembo chi cerca schermo e sollievo agli ardori detestale, come caro ti mostri pei tanti giardini e boschetti che ti circondano. O ridente Sebeto, che mai sarebbero per me gli altri fiumi? avrebbero come te una memoria che mi parlasse al cuore? potrebbero essi destarmi un sospiro ed un pensiero?
O patrio fiume, addio! Chi sa quanti altri giorni a me destina il Cielo, chi sa per quanto mi sarà dato contemplare il tuo aspetto. Oh, qualunque esser dovrà in questo terreno esiglio la mia sorte, che le mie ossa riposino nella loro terra natale, accanto a quelle della mia estinta genitrice, nel suburbano avello che le tue onde lambisce! (1) Oh , certo sembrerà ad esse allora più lieve la terra che le accoglie; e nella pace del Signore godrà lo spirto se vedrà che quieta stanza avrà pur la salma che il contenne travagliato e che lo albergò paziente fra i tormenti nel passaggio di una vita mortale.

(1) Non lungi dal Campo santo a Foggio Reale alle falde del montictlio so cai è costrutto passa il Sebeto.

Vincenzo Morgigni Novella

Continua a leggere
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.