Stai in contatto

Battaglie

ITALIA SPA / Dopo Telespazio e Finmeccanica, delocalizzano da Napoli anche il Formez

Pubblicato

il

formez

Nei mesi scorsi, da queste pagine, abbiamo lanciato l’allarme per la chiusura del polo napoletano di ricerche in seno a Telespazio. A distanza di mesi, il pericolo chiusura non è stato ancora scongiurato, nonostante le lotte e la netta presa di posizione del mondo della ricerca. Ma la mattanza di eccellenze e posti di lavoro continua.

Innanzitutto, all’interno di quella che possiamo definire “la telenovela Alenia”. Finmeccanica, infatti, ha scientemente programmato la distruzione totale del polo napoletano. Dopo aver venduto Ansaldo ai giapponesi (e menomale, ci viene da dire) e lo spostamento degli uffici amministrativi a Varese, è il turno dello stabilimento di Capodichino all’Atitech di Gianni Lettieri. Al di là del figuro a cui vengono regalati pezzi di imprese statali, a rischio sono i lavoratori e soprattutto la tradizione napoletana in ambito tecnologico. Secondo l’ex candidato a sindaco di Napoli Gianni Lettieri “Governance e management rimangono ad Ati­tech. Noi avremo la maggioranza”.

In realtà, la situazione è tutt’altro che rosea. Lettieri mise le mani sull’impresa grazie alla sua amicizia con Berlusconi che glie la regalò nel 2009 alla lauta cifra di 10 euro nel set­tore gra­zie al governo Ber­lu­sconi, che gli “regalò” l’azienda nel 2009 alla cifra sim­bo­lica di 10 euro. La società fu svenduta perchè in perdita. In realtà, chiuse i conti, nel 2010, conun saldo attivo di 36.000.000. Ma la nuova politica del gruppo prevede tagli ed una netta riduzione del personale attivo. E l’Alenia di Capodichino perderà commesse e, alla lunga (ma neanche tanto) dipendenti, soprattutto a seguito della “devoluzione” del progetto dello C27J, da Napoli a Torino.

A Torino era già previsto l’arrivo di altri progetti importanti, senza bisogno di rubarli a Napoli che, a questo punto, è destinato a chiudere. Anche lo stabilimento di Nola rischia la chiusura, essendo stata spostata la linea finale di collaudo di Capodichino a Torino Caselle. Già 80 famiglie sono finite per strada e considerando che in questo ramo dell’impresa, in Campania, ci lavorano più di 5.000 persone, la mattanza è assicurata.

E come se non bastasse, sempre per tenere fede alle revisioni di bilancio dello scellerato e paraleghista governo Renzi, anche Formez è a rischio a Napoli. Il centro servizi, assistenza, studi e formazione per l’ammodernamento delle pubbliche amministrazioni, fondato a Napoli nel 1965 la cui sede amministrativa fu spostata a Roma nei primi anni ’90, rischia infatti di essere accorpato alla sede centrale romana, e i suoi dipendenti saranno costretti a traslocare. Anche questo è un fiore all’occhiello che, evidentemente, se funziona, dev’essere abolito. A capo della protesta affinchè se ne scongiuri la chiusura c’è Gianluca Daniele, segretario della Cgil Napoli. Ma, da quello che si apprende, ormai, ci sarebbe ben poco da fare per salvare la sede napoletana del Formez. “Non dovranno mai più intraprendere” finora sembra essere l’unica promessa mantenuta da Italiaunita s.p.a.

Drusiana Vetrano

Continua a leggere
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.