Stai in contatto

News

La Campania tra crescita record e alto rischio povertà secondo lo Svimez

Dalle anticipazioni del rapporto 2017 dello Svimez emerge la crescita record della Campania, prima regione italiana per indice di sviluppo ma, al tempo stesso, come tutto il Meridione, con un tasso di rischio povertà quasi triplo rispetto al Centro-Nord Piccoli e incoraggianti spiragli di luce si alternano a fosche ombre nell’esaltazione schizofrenica di un paradosso […]

Pubblicato

il

Dalle anticipazioni del rapporto 2017 dello Svimez emerge la crescita record della Campania, prima regione italiana per indice di sviluppo ma, al tempo stesso, come tutto il Meridione, con un tasso di rischio povertà quasi triplo rispetto al Centro-Nord

Piccoli e incoraggianti spiragli di luce si alternano a fosche ombre nell’esaltazione schizofrenica di un paradosso duro da mandare giù.

Stando allo Svimez, secondo i dati relativi all’anno 2016, la Campania ha registrato una crescita del 2,4%, in linea con le statistiche positive del triennio precedente, la quale posiziona la regione al primo posto nella penisola in questa particolare classifica.

A giocare un ruolo fondamentale sono state l’industria, grazie anche alla diffusione di Contratti di Sviluppo, e il turismo, che ha permesso di giocare un rafforzamento significativo dell’intero terziario.

Qualcosa sta davvero per cambiare? Non è proprio cosi. Spiega infatti il vicedirettore di Svimez Giuseppe Provenzano: “Oltre un terzo dei meridionali è a rischio povertà. Circa 10 meridionali su 100 sono in condizione di povertà assoluta, contro poco più di 6 nel Centro-Nord. È quasi il triplo rispetto al resto del paese, basta guardare queste percentuali:  Sicilia (39,9%), Campania (39,1%), Calabria (33,5%).

La povertà deprime la ripresa dei consumi e, in questo contesto, le politiche di austerità hanno determinato il deterioramento delle capacità del welfare pubblico a controbilanciare le crescenti diseguaglianze indotte dal mercato, in presenza di un welfare privato del tutto insufficiente al Sud”.

Come interpretare tutto questo? Questi segnali di ripresa saranno davvero accompagnati, una volta per tutte, da un piano strutturale, a medio-lungo termine, per annientare definitivamente l’inossidabile divario Nord-Sud?

Il processo di desertificazione in atto, con lo spostamento ingente di giovani meridionali verso altri territori, verrà arrestato o perlomeno limitato con politiche lungimiranti? O si farà la gara per attribuirsi questi timidi risultati, in vista del chiacchericcio sterile e di false promesse da fase pre-elettorale?

Queste ed altre domande meritano adeguate risposte, perchè ormai il tempo dell’attesa è giunto a termine, lasciando solo rabbia e frustrazione per una terra ferita, umiliata, offesa, che rischia di esalare l’ultimo, inascoltato respiro..

Continua a leggere
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.