Stai in contatto

Diritti e sociale

LEGALITOUR / Dal Parco Verde, un campo scuola sui beni confiscati alla criminalità

Pubblicato

il

Parlano di sogni e condividono la bellezza di riscoprirsi, anch’essi, capaci di imprese apparentemente impossibili. Gli studenti dell’IS “F. Morano”, nel Parco Verde di Caivano, sono stati protagonisti di un’esperienza estiva alternativa. Per una settimana, infatti, hanno fatto tappa su diversi beni confiscati della Campania, grazie al progetto LegaliTour.

L’iniziativa rientra nelle attività previste dal Protocollo siglato a Locri (RC) nel mesi di luglio, voluto dalla presidenza della Commissione Antimafia e dal Ministero dell’Istruzione.

L’obiettivo è permettere agli studenti di frequentare i centri estivi nei beni confiscati alla criminalità organizzata e gestiti dalle cooperative sociali nelle regioni Puglia, Calabria, Campania e Sicilia.

Le tappe del LegaliTour in Campania

Il percorso, organizzato e guidato dalle cooperative “Un fiore per la vita” e “Agropoli”, ha interessato diverse strutture che, appartenute al patrimonio della criminalità organizzata, sono state restituite alla collettività.

L’esperienza presso la cantina “Vite Matta”, il racconto dell’agenzia di comunicazione “Etiket” e la visita alla Fattoria sociale “Fuori di Zucca”, sono state, per i ragazzi, strumento efficace per comprendere che il buio si sconfigge, anzitutto, creando oasi di luce.

Non sono mancate le testimonianze della cooperativa che gestisce, a Capodrise, il bene sequestrato conosciuto come “Casa Nogaro” e la tappa al “Museo della legalità” ospitato a “Casa don Diana”.

Per il gruppo di studenti dell’istituto caivanese, anche l’ora dei pasti ha assunto un ampio valore formativo: nella Nuova Cucina Organizzata, infatti, hanno degustato i prodotti delle “Terre di don Peppe Diana”, serviti da persone svantaggiate a cui sono state restituite dignità e speranze.

“I sogni si possono realizzare”

La professoressa Anna Cascella, docente del gruppo scolastico, intervistata ai nostri microfoni ci restituisce tutta la forza didattica e sociale dell’esperienza. “Qui non c’è gente che combatte la criminalità”, afferma, “ma persone capaci di costruire la bellezza. Ed è molto importante che i ragazzi abbiano toccato con mano questa bella dimensione sociale”.

A tutti i ragazzi sento di dire“, continua la professoressa, “di non demordere nella ricerca del loro sogno, e di impegnarsi con tutto loro stessi per realizzarli“.

Ma la ricchezza più grande ci raggiunge nell’espressione di Carmine, studente dell’istituto Morano che ha assunto l’impegno – ci raccontano i compagni – di voler tornare a casa, ogni giorno, avendo imparato qualcosa di nuovo.

Carmine racconta il Parco Verde come una distesa di bianco, caratterizzata dalla maggioranza delle persone oneste, viziata da una macchia nera che risalta molto più del bene che quei palazzoni nascondono.
“Nulla è impossibile“, condivide Carmine al termine dell’esperienza. “Ho imparato che i sogni si possono realizzare, anche se non si hanno strumenti o si parte da zero“.

D’altronde, i beni confiscati, sono in questa terra simbolo di un sogno grande, quasi impossibile. La criminalità organizzata si può sconfiggere. Come tutti i fenomeni umani – direbbe ancora oggi Giovanni Falcone – ha un inizio e una fine. Ci crediamo.

Lo sperimentiamo nelle esperienze di bene che nascono dal basso e che ancora resistono. Lo vediamo negli occhi di Carmine e dei suoi compagni di viaggio che dei sogni e delle speranze sanno ancora farne sentiero.

Rocco Pezzullo

Continua a leggere
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.