Stai in contatto

Ambiente

LA LEGHISTA CAPPELLINI / “Rilancio del turismo al Sud? Parassiti, Franceschini pensi al Nord”

Pubblicato

il

L'assessore lombardo Alessandra Cappellini, il Ministro della cultura Dario Franceschini, con sullo sfondo la Reggia di Caserta

L’assessore lombardo Cristina Cappellini, il Ministro della cultura Dario Franceschini, con sullo sfondo la Reggia di Caserta

Dev’esserle andato di traverso, all’assessore alle Culture lombarda, Cristina Cappellini, il Forum Europeo del Turismo a Napoli, con cui Dario Franceschini, Ministro dei Beni Culturali, ha incontrato  gli assessori al Turismo di tutta Italia con il commissario di Expo Giuseppe Sala, chiedendo  alle Regioni di fare sistema per valorizzare il patrimonio culturale del Sud in vista proprio di Expo, dopo aver visitato il centro storico di Napoli, la scuola elementare B. Capasso dell’istituto omni comprensivo Bovio Colletta,  il Museo MADRE e  twittato,  manifestando il suo apprezzamento all’ente definendolo “una delle eccellenze italiane per l’arte contemporanea”.

“Il Ministro, decanta le bellezze del Sud, mentre per la Lombardia che ospiterà Expo il governo continua a riservare solo tagli e tasse”, e’ questo il suo piccato commento, poi l’affondo, dicendo “Mi sembra che anche dalle ultime dichiarazioni di oggi, Franceschini abbia deciso di fare il Ministro per i Beni e le Attività Culturali del Mezzogiorno. Decantare solo le bellezze culturali delle Regioni meridionali e affermare la necessità di fare sistema per convincere i turisti dell’Expo a visitare il Mezzogiorno, proprio nei giorni in cui la cultura in Lombardia, regione che ospiterà l’Esposizione Universale, piange i tagli inferti dal governo Renzi, suona come una vera e propria beffa”.

Impugnando lo “scettro” del solito luogo comune, secondo cui il sud risulterebbe essere inefficiente dal punto di vista della valorizzazione culturale, l’assessore Cappellini, vorrebbe piu’ attenzione per la Lombardia, regione virtuosa, come se questa inefficienza “meridionale” non sia dovuta ad un disegno prettamente nazionale che parte dalla cattiva distribuzione dei fondi destinati alla cultura, per poi arrivare alla quasi inesistente progettualità infrastrutturale, che di fatto impedisce ogni sostegno logistico a qualsiasi iniziativa turistico-imprenditoriale.

«Un atteggiamento, quello del ministro, che ancora una volta mortifica la regione più tartassata e che, proprio per colpa delle politiche scellerate di un governo che massacra gli enti locali virtuosi, probabilmente dovrà rinunciare a diverse iniziative messe in campo per l’Expo» dice infatti l’assessore leghista invitando Franceschini a «a tutelare innanzitutto la regione ospitante l’Expo che ancora attende conferme dal governo, ad esempio sul sostegno al Forum dell’Unesco che si terrà l’anno prossimo a Monza. Non credo che in pochi mesi si possa rimediare a una situazione di malagestione che perdura da decenni di sprechi e di assistenzialismo – aggiunge ancora – come dimostrano ad esempio gli ultimi casi riportati dalle cronache che ci parlano di una stupenda opera come “Il satiro danzante” di Mazara del Vallo, che nessuno vede, se non i diciotto, e ripeto diciotto, custodi del Museo, peraltro chiuso a quanto pare nei fine settimana. Potrei continuare citando i Bronzi di Riace, che Regione Lombardia si era offerta di ospitare per farli ammirare a milioni di visitatori, proprio perché praticamente nessuno li va a vedere in Calabria».

Quei Bronzi di Riace, invocati da questa signora, nel culmine delle sue esternazioni, non sono forse la dimostrazione lampante, di quanto sia contraddittorio il suo ragionamento, in quanto sarebbero la tacita ammissione di quelle difficoltà infrastrutturali di cui sopra, che di sicuro al sud sono croniche e che certamente a tutto fanno pensare fuorchè ad una eccessiva benevolenza da parte del Ministero della Cultura italiano, verso quel grande museo a cielo aperto che e’ il nostro meridione?

Evidentemente non sono bastate le ultime mortificazioni che il Ministro Graziano Delrio, ha inflitto al nostro popolo, giustificando la misera elargizione dei fondi destinati alle infrastrutture del sud con inesistenti giustificazioni geologico-territoriali.

Non sono bastate neanche le scandalose “mazzette” che proprio dalla virtuosa regione Lombardia, sono pervenute all’EXPO, per far desistere, l’assessore Cappellini, dallo sparare su quella che ritiene essere la “Croce Rossa”, ed il tutto, solo perché per una volta, un Ministro evidenzia l’ovvio: cioè l’importanza del nostro immenso patrimonio culturale sullo scenario di questa finta nazione che chiamano italia.

Alberto Guarino

Continua a leggere
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.