Stai in contatto

Identità

MARADONA NAPOLETANO / Flop o non flop questo show non era per noi: non puoi imbrigliare il cuore dei partenopei in una scaletta

Pubblicato

il

In fondo ci hanno provato, con tutte le loro forze, a fare l’evento.
Ci ha provato Siani, con impegno. Ci ha provato l’Amministrazione, con sforzo.
Ci hanno provato le aziende, tassandosi.
Sembrava facile, tanto vuoi che i napoletani non accorrano in piazza in 100.000?
Vuoi che non facciano i cori e le ola al comando dei presentatori di turno?
Sappiamo come sono i napoletani.
Invece no, non li conoscete.

Non puoi decidere tempi e modalità di espressione di un sentimento.
Il calore napoletano è unico nel mondo per la sua genuinità, per la sua spontaneità.

Non c’era lo speaker dello stadio ad invitarci ad urlare “the champions“ all’unisono.

L’urlo dei 50.000 fu spontaneo, non concordato. Unico in europa.
Non c’erano direttori artistici , nè Comune, nè sponsor per far convogliare 100.000 persone in Piazza Plebiscito la sera che morì Pino Daniele.

Non servì nessun presentatore, nessun microfono, nessuna base, per far cantare a 100.000 voci “Napul’è“ contemporaneamente.

Non puoi imbrigliare il cuore di Napoli in una scaletta di un’ora e 15 preconfezionata.

Diego era già cittadino napoletano, titolo conferitogli da 3 generazioni di tifosi, e tale rimarrà per sempre.
Senza Assessori, senza agenzie, senza sponsor, senza torte ricordo, senza amarcord stantii, senza insipidi presentatori.
Non so per chi era questo show, ma non era per noi. Non ve ne siete accorti. In fondo, sarebbe bastato solo chiedere…

Maurizio Zaccone

Continua a leggere
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.