Stai in contatto

Arte e artigianato

MUSICA E IDENTITA’/ Intervista con i RORIS: quando il rock parla napoletano

Pubblicato

il

roris

Parlano napoletano i Roris. E lo cantano pure.

Una formazione, la loro, che prende il nome da una parola latina che significa “rugiada”. E tutti napoletani: Marialberta Lamberti, la voce, Vincenzo Padovani al basso, Chiara Cotugno alla batteria e Giuseppe e Silvio Tattoli (zio e nipote) alle chitarre.

Gli esordi furono quelli di una band che fondeva rock, pop ed elettronica, con testi in inglese e che produsse 13 brani, di cui 6 pubblicati. Ad un certo punto, la “crisi mistica”: “ma noi dove siamo nati? Da dove veniamo? A chi vogliamo comunicare ciò che scriviamo?”. La risposta, com’era naturale che fosse, fu quella di un sound contaminato ma che parlasse NAPOLETANO.

I ragazzi ci raccontano che volevano essere capiti. Letteralmente. Cioè, volevano che chi li ascoltasse comprendesse i loro testi ed i loro messaggi. Messaggi di speranza, in una lingua meravigliosa, versatile, che sa essere incisiva sia che si cantino parole d’amore, sia che si denuncino le brutture del mondo.

I testi sono scritti pescando nella quotidianità, nella vita reale di ciascuno di loro, che non è diversa da un qualunque figlio di Napoli e del Sud. Perché le difficoltà, da queste parti, sono tante. E diventa difficile, in certi casi, persino fittare una sala prove in cui suonare. O incontrarsi in un punto qualunque perché tutti troppi distanti tra loro.

Fare Musica in un paese che non tutela le sue eccellenze (ma il “paese” non tutela la stessa colonia, che è una colonia, appunto, come potrebbe tutelarne le eccellenze?) porta via tanto tempo e tante energie. Ma il lavoro, la tenacia e soprattutto l’amore per ciò che si fa, prima o poi, danno i loro frutti: 4 brani già realizzati ed altri in lavorazione, per un totale di 11 brani che usciranno entro Natale. (Potete ascoltare il brano “Nun t’aspettà “ qui )

Messaggi positivi, di speranza, come abbiamo detto. Ma non solo: determinazione, tenacia, guardare al futuro con rinnovato ottimismo ogni volta. “E’ stata dura e continua ad esserlo”, ci dicono i ragazzi. Ma ne è valsa la pena. Ne vale sempre la pena. E’ difficile, ma con la giusta predisposizione d’animo si può tutto. E i ragazzi tengono molto a questo messaggio che noi consideriamo estremamente positivo: le avversità- e ne hanno avute tante- quando non ti frenano, ti rendono più forte. E rendono più forte il tuo ideale. Perché la Musica è e deve essere anche condivisione. E noi napoletani, di Musica con la M maiuscola, ne capiamo.

Il loro prossimo obiettivo è quello di salire sul palco più ambito, quello napoletano. Magari, in una piazza, col pubblico che canta in coro: “puortame ‘ngoppo ‘na stella luntana”.  Napoli, si sa, sulla Musica e sul Teatro non fa sconti. Conquistare i napoletani vuol dire avere le porte spalancate sul mondo. Ed è ciò che auguriamo a questi fieri e degni figli di Napoli.

Drusiana Vetrano

Continua a leggere
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.