Stai in contatto

Battaglie

SPUTTANAPOLI E MEDIA LOCALI/ Per il Corriere del Mezzogiorno Giletti ha ragione. Napoli è indecorosa

Pubblicato

il

ferrovia

Ci arrivano segnalazioni dai nostri lettori- che non smetteremo mai di ringraziare per il grande supporto che ci danno quotidianamente- riguardo ad un articolo pubblicato oggi, dal Corriere del Mezzogiorno, a firma di Monica Scozzafava, che riprende le polemiche su Giletti.

Ci spiace dover osservare che si cade ancora nell’irresistibile richiamo del facile sensazionalismo, sapendo quanto venda “sputtaNapoli”.Ma ci sembra una perdita di tempo discutere sulle criticità di alcune zone e fare la conta dei sacchetti di immondizia e persino “le macchie d’olio” sui marciapiedi. Napoli ha delle criticità, lo sappiamo. Come tutte le metropoli del mondo. Una metropoli tra le più densamente abitate dell’intero pianeta. Una città che ha luci ed ombre. Ma non per questo, si può accettare la definizione di INDECOROSA solo per compiacere qualcuno o per contrastare qualcun altro. Avremo sempre platee spaccate su questo punto, non essendo un parametro rilevabile oggettivamente il DECORO. Però, ed eccoci al punto, è inaccettabile che si propinino notizie FALSE solo per sostenere le proprie tesi. Come quella relativa al pianoforte danneggiato in Stazione. Leggiamo dall’articolo: “Dieci mesi, forse, erano stati già troppi. Il pianoforte al centro della Stazione Garibaldi — nero, lucido e senza un graffio — ora è in un deposito di «Grandi stazioni» in attesa di essere riparato. Nella notte tra sabato e domenica era stato preso di mira da un rumeno ubriaco che a forza di pugni e con una mazza di legno lo aveva praticamente spezzato in due. Le telecamere di videosorveglianza all’interno della stazione hanno poi permesso di individuare immediatamente il vandalo di turno, che non è finito in galera ma è stato denunciato a piede libero. Quella di Napoli è l’unica tra le dieci stazioni italiane dove è stato vandalizzato il pianoforte. “ (…) “Nel piazzale antistante se non fosse per le decine di venditori ambulanti di accendini e calzini, sirespirerebbe quasi un’atmosfera europea. Guardarsi indietro può essere utile, se però non impedisce di andare avanti. “

Due cose da rilevare immediatamente. La prima è che non si tratta di un vandalo ma di un cittadino rumeno in stato di ebrezza, arrestato subito dopo il gesto. La seconda, ben più grave, è che la stessa cosa è successa a Cagliari ed a Milano (ben due volte!). In entrambe le stazioni è durato molto meno di 10 mesi. E i vandali non sono stati arrestati. Cosa che,invece, a Napoli è avvenuta immediatamente. Quanto agli ambulanti, sono presenti in tutte le aree circostanti le maggiori stazioni italiane. Se questo è un parametro relativo al “decoro”, possiamo dire che il decoro non è un parametro italiano.

Per il resto, basta farsi un giro per Napoli per capire quanto siano ingiuste certe affermazioni. Ogni altra parola è superflua per descrivere questa meravigliosa e maltrattata città che ha la sola colpa di aver generato pochi figli e troppi figliastri…

Drusiana Vetrano

Continua a leggere
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.