Stai in contatto

Beni Culturali

NAPOLI RITROVATA / La Casina pompeiana e il giardino incantato di Palazzo Venezia

Pubblicato

il

casina pompeiana palazzo venezia

Foto Enzo di Paoli

Nel cuore del centro antico, tra il vociare della gente e lo stupore dei turisti, vive ancora un angolo della grande Napoli dei secoli passati.

Dietro un bel portale entriamo in quella che fu per quattrocento anni la residenza della Serenissima Repubblica di San Marco nel Regno di Napoli.

Il Palazzo Venezia. Donato a San Marco nel 1412 da Ladislao I Re di Napoli.

All’interno, all’altezza del primo e secondo piano una sorpresa toglie letteralmente il fiato.
Un giardino pensile nel cuore di Napoli.

Verde, lussureggiante, silenzioso e solitario. Adagiato da secoli sul vivo tufo dell’antichissimo colle di Monterone che ne segna il dolce declivo.

Vide Re e ambasciatori. Ascoltò di trattati e di commerci.

Questa preziosa “amenità verdeggiante” come una scatola cinese nasconde un’altra sorpresa: la Casina Pompeiana.

Eretta agli inizi del XIX sec., quando l’intera struttura fu rifatta per adeguarla alle tendenze artistiche dell’epoca, questa particolare struttura classicheggiante ospitava un coffee house, quasi ad accrescere il godimento del luogo esaltandone l’intimità e l’isolamento.

Nel timpano della facciata è scolpito a rilievo un elemento curioso, un gallo. Molti se ne chiedono il perché.
Non è un gallo bensì un cappone. Dal nome del proprietario dell’epoca il giurista Gaspare Capone.
Enzo Di Paoli locus iste

Continua a leggere
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.