Stai in contatto

Arte e artigianato

NON SOLO LA D’ELBOEUF / Rino Pane: Ville vesuviane a Portici, una ferita nella storia

Pubblicato

il

cartoline da portici

Quel maledetto crollo, della parete laterale di Villa D’Elboeuf, avvenuta lo scorso 5 Febbraio, con conseguente blocco della circolazione ferroviaria, e’ una ferita aperta nella coscienza identitaria di chi non vuole arrendersi a vedere ridimensionata la propria storia.

L’ex residenza del conte Maurizio di Lorena, principe d’Elbouef, divenuta nel 1741, con l’acquisto dell’intera struttura da parte della casata reale dei Borboni, parte integrante della Reggia di Portici, è stata protagonista di una lunga “odissea”, che l’ha portata alla decadenza attuale.

Chiunque si avvicini alla stazione ferroviaria, che affaccia sul mare, non può ignorare quell’immagine di una struttura mastodontica e piena di storia, che ormai soccombe, sotto i colpi del tempo, ma soprattutto sotto i colpi del menefreghismo istituzionale; basti pensare alla ormai decennale diatriba su chi debba prendere le “redini” di un ipotetico restauro. Ecco che si passa dal comune che ne tenta il riscatto, con la “Cassa Depositi e Prestiti”, fino ad arrivare ad una cordata d’imprenditori che per adesso sembra averla spuntata, per quel che concerne la proprietà.

Per ora si spera soltanto in un parziale ripristino della linea ferroviaria, con interventi mirati, che garantiscano la solidità sia pure parziale, della facciata che la pioggia ha contribuito a “frantumare”.

Ma quali sono le ville porticesi che più necessitano di interventi? non sono, forse, proprio quelle di proprietà demaniale o comunale? Lo abbiamo chiesto ad un uomo che da sempre studia la storia di queste che possono considerarsi a tutti gli effetti, delle opere d’arte a cielo aperto, Rino Pane, grande studioso di elementi identitari, autore del libro “Saluti da Portici” insieme  a Carmine Pescatore.

“Sicuramente tra tutte – spiega Pane – c’è villa Lauro-Lancellotti, quella la cui facciata principale è crollata quasi in corrispondenza dei “festeggiamenti” della nefasta unità d’Italia (sarà un segno divino?), i cui eredi Lancellotti ancora non si sono rassegnati e sono ancora oggi speranzosi di poter incassare cifre ormai fuori mercato per lo stato in cui attualmente giace una villa settecentesca dove hanno persino divelto il piperno originale delle scale ed oggi è ridotta davvero ad un rudere. Poi c’è l’attuale villa Maria già villa Spinelli del fu principe Spinelli di Scalea, il palazzo del principe Ruffo di Bagnara del 1720 che ha già perso il suo giardino originario per speculazioni edilizie varie degli anni 60 e dove al suo interno c’era anche una torre crollata anch’essa con la sua leggenda del cacciatore fantasma. La sua struttura ormai è puntellata ovunque e c’è stata una ulteriore caduta dal cornicione proprio con le ultime piogge. Inoltre abbiamo quello che fu il più grande galoppatoio al coperto dopo quello di Vienna, palazzo Mascabruno, che apparteneva alla cavalleria borbonica e pare dovrà essere ristrutturato grazie ai fondi europei… ma chissà quanta della sua originalità è andata perduta visto che per molti anni è stato usato da famiglie sfrattate e dopo di che l’incuria ha fatto da padrona allo stabile. Ma questo è solo una parte del tesoro che dovrebbe essere recuperato, e che nessuna città storica al mondo avrebbe fatto in modo che andasse perduto in queste condizioni. C’è poi da condannare anche la barbara moda o usanza da parte dei ragazzi di usare su tale proprietà le bombolette spray di vernice danneggiando così oltremodo beni inestimabili”.

Pane ci spiega poi le ragioni che hanno spinto lui e Carmine Pescatore a raccogliere in un libro, appunto “Cartoline da Portici” quelle che sono le immagini di una Portici suggestiva, antica, identitaria.

“Abbiamo voluto fare in modo che, attraverso l’immagine grazie a delle cartoline d’epoca, il tutto non andasse perduto – racconta – L’immagine è l’unica cosa che potesse dare davvero valore a ciò che fu Portici, un vero paradiso purtroppo oggi perduto ed attraverso più di 500 cartoline si può fare un vero viaggio a ritroso nel tempo ed ecco il titolo “Saluti da Portici”, una frase classica attraverso la quale milioni di turisti da tutto il mondo sono venuti qui nella città della reggia a vivere un’estate indimenticabile la fu città di delizie.

Al momento, non possiamo fare altro restare in attesa che vengano ripristinati quei minimi standard di sicurezza, che consentano il passaggio del treno al Granatello, di fianco alla più grande delle ville del Miglio d’Oro, e ringraziare, quelle persone come gli autori di questo libro, che con volonta’, impegno, passione, cercano di preservare la nostra memoria identitaria, sospinti da un unico comune denominatore, l’amore per la propria terra, offesa da una barbarie che dura da 153 anni.

Alberto Guarino

 

Continua a leggere
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.