Stai in contatto

Arte e artigianato

MUSICA E IDENTITA' / I Foja: "Cantare in lingua napoletana significa essere noi stessi"

Pubblicato

il

Foja

“’A Foja”: la foga. Quella che non consuma ma che arde dentro di noi,  che accende. Una foga, alla napoletana, insomma: è da questa che prende il proprio nome il gruppo musicale partenopeo che canta esclusivamente in lingua. “’A foja simboleggia la vitalità presente in ognuno di noi, diventata, ai tempi d’oggi, nevrotica e frenetica. Più che un nome, è un vero e proprio manifesto”, esordisce Dario Sansone, voce ed autore dei testi della band, che avrà ripetuto migliaia di volte questa spiegazione. A Napoli, però, non c’è bisogno di spiegare cosa significhi Foja. E per chi non lo sapesse, basta ascoltare la loro musica per comprenderlo.

Oltre a Dario Sansone, i Foja sono Ennio Frongillo (chitarra), Giovanni Schiattarella (batteria) e Giuliano Falcone (basso). Tutti giovani che già hanno riscosso una bella notorietà attraverso la musica. Utilizzano un genere che unisce il rock molto energico, al folk con i testi cantati nella loro lingua madre, il napoletano. Questo binomio rock-folk in lingua napoletana – una cosa rara e di grande effetto – ha permesso ai ragazzi di vincere numerosi premi e festival. Dal primo premio per il “Cime di rock festival” a Bitritto (BA) a quello della critica del medesimo concorso. Dalla vittoria al Venafro Rock Festival, al Premio Rete alla fiera del vinile Discodays in collaborazione con il Mei (Meeting dell’Etichette Indipendenti). Fino ad arrivare ad oggi, al successo del singolo “Donna Maria”, featuring Francesco Di Bello, tratto dall’album “Dimane torna ‘o sole”, uscito lo scorso 12 novembre, che vanta anche altri ospiti: Mattia Boschi (Marta sui Tubi), Maurizio Capone in ’A canzone do tiempo e Claudio Domestico (Gnut), che insieme ai Foja firma la produzione artistica del disco, ricco di atmosfere e curatissimo negli arrangiamenti. Quanto a “Donna Maria” è una canzone che alcuni hanno messo in parallelo con la “Donna Cuncetta” di Pino Daniele.

Donna Maria è il vostro ultimo successo. Cosa racconta questa canzone?

Donna Maria è una storia qualunque, una delle tante storie che puoi vedere nei vicoli di Napoli, negli scorci della città. É una storia d’amore e d’attesa, di solitudine, ma anche di speranza. Non c’è miglior metodo per comprenderla, che ascoltarla e guardare il videoclip. Noi crediamo che cantarla in lingua napoletana sia una forza. È il modo più onesto e vero che conosciamo per comunicare, sono le nostre radici, e per esperienza rende più accattivante il sound della band. Pensiamo fortemente che essere quello che si è può essere l’arma in più per arrivare al cuore di chi ti ascolta.

I disegni del noto fumettista Alessandro Rak fungono da video al brano…

Si, è il secondo nostro brano in cui Alessandro disegna i fumetti per il videoclip. Ha il merito di essere riuscito con le sue immagini a centrare l’essenza della storia ed ad arricchirla di particolari, contenuti, ma soprattutto di magia. La magia delle tradizioni.

Quindi le tradizioni della vostra città contano tanto nella vostra musica.

E’ naturale, così come è fondamentale l’uso della lingua napoletana. Napoli ha un patrimonio culturale immenso, sarebbe folle voler rifuggire dalle proprie radici. Crediamo che il nostro modo di porci verso la musica e le arti in genere derivi inevitabilmente da quell’antica e nobile cultura. Siamo figli della nostra terra, crediamo nel nostro passato ricco di cultura, nel nostro presente pieno di lotte ed immaginiamo un futuro migliore.

E che ruolo devono avere gli artisti nel presente pieno di lotte, come dici tu, per poter raggiungere un futuro migliore?

Gli artisti devono sentire dove c’è bisogno della loro presenza. Al momento noi siamo qui a Napoli e vogliamo rimanerci più a lungo possibile, sia in quanto è la nostra città natale, ma anche perché in questo momento ha bisogno di aiuto. E la musica può aiutare, come le arti in genere, perché hanno molteplici funzioni. Sicuramente nelle arti c’è la ricerca del vero e può essere un buon mezzo di diffusione e denuncia. Come gruppo, infatti, siamo attivi riguardo le varie problematiche del nostro territorio, attraverso la nostra musica ed il nostro sostegno con i concerti live. Non abbiamo scritto un brano specifico sulla “Terra dei fuochi”, ma il nostro disco è un messaggio chiaro di speranza per questa martoriata regione. È chiaro già dal titolo:”Dimane torna ‘o sole”.

E il “Dimane” dei foja? Quali progetti avete?

Al momento siamo impegnatissimi e presi totalmente dal nostro tour per tutta Italia. Portiamo in giro il nuovo disco ed un pò di sole Napulitan…

Per chi volesse ascoltare in giro per il Sud il sound dei Foja, ecco le prossime date del loro tour:  15.02 Leverano (LE) Mujimune; 16.02 Foggia Tolleranza Zero; 28.02 Cassino Nuove Off. Generali;  01.03 Pomigliano (NA) Frequency; 14.03 Matera Vicolo Cieco; 05.04 Reggio Calabria Blue Dahlia;  19.04 Atena Lucana (SA) Gambrinus Pub; 24.04 Santa Maria a Vico (CE) SMAv.

Buon ascolto, buona Foja.

Eugenia Conti

Continua a leggere
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.