Stai in contatto

Identità

OGNI ANNO IL 2 NOVEMBRE / ‘A Livella di Totò fu ispirata da un affresco che vide alle catacombe di San Gaudioso

Pubblicato

il

tomba-toto

“Ogni anno il 2 novembre”. L’incipit della Livella chi non lo ricorda? La poesia di Totò più famosa, dove un marchese e uno spazzino condividono spazi limitrofi in Camposanto, e nella quale il saggio netturbino ricorda al nobile che la morte è una livella, cioè che mette tutti sullo stesso piano.

Ma come nacque questa poesia ambientata a Poggioreale. Ebbene la storia è legata fortemente al quartiere dove Totò nacque, la sanità. E precisamente alle suggestioni vissute da bambino nel secondo cimitero paleocristiano di Napoli, sotto la Basilica di Santa Maria della Sanità.

Ebbene sì: agli inizi del novecento nelle catacombe di San Gaudioso, i bambini giocavano a nascondino proprio sotto la basilica, nei cunicoli sotterranei, dove Totò a 10 anni faceva anche il chierichetto.

C’era chi era terrorizzato da quei luoghi, ma non era il caso di Totò che invece era molto affascinato dagli affreschi su pietra grezza che si trovavano su quelle pareti buie. Scheletri disegnati su cui veniva conficcato un teschio vero.

catacombe-san-gaudioso

Ma quello che lui ricordava da adulto per raccontare che la Livella era nata così era uno scheletro senza orpelli con ai piedi una clessidra, un libro, una corona e uno scettro, realizzato da Giovanni Balducci.

Fin da piccolo aveva riflettuto sull’inutilità di quegli orpelli perché nell’aldilà siamo tutti uguali.

Nasce così, nel 1946, ‘A Livella, metafora della vita e della morte che è come una livella (lo strumento usato dai muratori per mettere sullo stesso piano le superfici) che tutto appiana: ricchezza e povertà, diversità sociali, gioia e dolore A spiegarlo, negli ultimi versi, è uno dei protagonisti, “Esposito Gennaro netturbino” che, rivolgendosi al defunto ricco marchese “eroe ardimentoso di mille imprese” irritato per la eccessiva vicinanza tra le loro tombe gli dice: “…Suppuorteme vicino-che te ‘mporta? Sti ppagliacciate ‘e ffanno sulo ‘e vive: nuje simmo serie…appartenimmo à morte!”.

Altra fonte di ispirazione per Totò fu poi il Dialogo sopra la nobiltà di Giuseppe Parini, scritto attorno al 1757. La materia di quest’opera, in cui è evidente la polemica antinobiliare e la vivacità satirica che hanno da sempre animato la produzione pariniana, è un dialogo tra due cadaveri, un nobile e un poeta, seppelliti casualmente in una fossa comune

Vi proponiamo la Livella recitata dal Principe. Eterna come lui.

 

Oggi una lapide di marmo con scolpito in bassorilievo il testo ‘A Livella si trova davanti alla cappella di Totò, a Santa Maria del Pianto a Napoli.

Continua a leggere
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.