Stai in contatto

Arte e artigianato

PATRIMONIO MONDIALE / Presto anche per la reggia di Portici il riconoscimento Unesco

Pubblicato

il

Reggia di Portici

L’ampliamento della zona di rispetto, fino alla Reggia di Portici e’ ormai imminente. Era ora che si provvedesse a preservare anche la zona della Reggia di Portici:la Rappresentanza Permanente d’Italia presso l’UNESCO ha inoltrato la documentazione richiesta relativa al Piano di Gestione del sito “Aree archeologiche di Pompei, Ercolano e Torre Annunziata” per farlo includere nel patrimonio mondiale.

Già aperto il Tavolo di Concertazione con il ministero dei Beni Culturali con il quale si individueranno strategie condivise per la migliore gestione del patrimonio e per favorire uno sviluppo sostenibile, accogliendo norme per la mitigazione dei rischi legati alle calamità naturali e individuando processi di condivisione delle attività necessarie alla tutela, conservazione e promozione dei beni archeologici del territorio interessato.

Ci sara’ dunque un ampliamento della buffer zone (zona di rispetto), esteso dalla fascia costiera, ad ovest, al perimetro del Parco Nazionale del Vesuvio a est, dalla reggia di Portici a nord al confine territoriale del Comune di Castellammare di Stabia, a sud.

Ed e’ qui che si giochera’ la “partita”, per quel che concerne la gestione di queste zone di rilevanza archeologica, data la massiccia presenza, sul territorio, di elementi culturali, storico-paesaggistici.

Staremo a vedere se e come, la citta’ di Portici beneficiera’ di tale iniziativa, visto e considerato, che il suo territorio, sia pur di esigua estensione, raccoglie al suo interno, almeno 200 tra ville, palazzi antichi, elementi storici e culturali etc.

Ma soprattutto bisognera’ comprendere in che modo si riuscira’ a gestire dal punto di vista turistico, questa zona variegata e piena di elementi attrattivi, spesso dimenticati e lasciati li a marcire tra l’approssimazione e la dimenticanza.

In un momento non proprio florido, per le casse del comune di Portici, una tale iniziativa, non puo’ che incoraggiare una ripresa, in questa cittadina, che allo stato attuale, risulta essere deficitaria, quanto a manutenzione e cura del territorio. Noi di Insorgenza non abbasseremo la guardia e saremo pronti, senza pregiudizi a vigilare sulla corretta implementazione, di qualsiasi provvedimento che possa in qualche modo favorire e divulgare lo sviluppo identitario, di questa e di altre zone del circondario napolitano.

Alberto Guarino

Continua a leggere
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.