Stai in contatto

Ambiente

SUD SOLIDALE / Attivisti in campo per i giovani “eroi” vittime della terra dei fuochi

Pubblicato

il

Benitez offre il suo contributo

Benitez offre il suo contributo

Lontano dalle cronache nazionali esiste un arcipelago di attivismo, che pullula di iniziative e si stringe intorno alle famiglie dei bambini vittime della Terra dei Fuochi, che combattono contro quelle leucemie  indotte da un “sistema” nazionale assassino.

Un mare nascosto di  solidarietà, che con gesti concreti, allunga le sue “onde”, verso quelle famiglie bisognose che non riescono ad andare avanti, nella baraonda burocratico-sanitaria della Regione Campania.

“Piccole Gioie per Piccoli Eroi – Terra dei Fuochi” e’ nome del  gruppo che su FB raccoglie alacremente,  tutto ciò che c’è da raccogliere, “per sostenere i bimbi dell’ospedale Pausilipon, la struttura, che specie in questi ultimi tempi avrebbe bisogno  di raggiungere almeno 4 obiettivi” – ci spiega Rosario Amato, che non vorrebbe  essere nominato, ma  essendo una delle anime di questo arcipelago, un vero e proprio coordinatore,  merita a pieno titolo la nostra menzione.

“Apertura della rianimazione al Pausilipon; Istituzione di adeguato servizio navetta; Potenziamento della struttura Casa-Famiglia; Equiparazione dei piccoli malati oncologici agli altri piccoli con handicap”, ci spiega Amato “sono queste le esigenze urgenti che più di ogni altra, devono trovare la loro risoluzione”.

Nei mesi scorsi, c’è stata una vera e propria gara, da parte di circoli sportivi di diverse squadre di calcio, che hanno offerto il proprio contributo economico, ma anche semplicemente magliette firmate, come quella donata da Francesco Totti dopo una fitta corrispondenza post-virtuale, fino ad arrivare alla donazione di € 5.000 da parte di Rafa Benitez in persona.

“Lina Maione,  Basile Espedito,  Francesca Basile,  Adolfo Casaburi, Francesco Menna,  Ciro Borrelli,  Luigi Guarino,  Tina Zaccaria,  Luisa Crisci,  le Mamme Coraggio… le Mamme Vulcaniche, Padre Calogero e la sua Casa-Famiglia per i piccoli oncologici che vengono da fuori Napoli la ARLIT per il servizio navetta”, continua Rosario Amato  “e persino il senatore Bartolomeo Pepe;  potrei andare avanti sino all’ infinito, impossibile citarli tutti”!

In questi giorni, e’ in atto una raccolta di  oltre 12.000 euro di spese tra desideri e cesti natalizi… tutti fatti da persone semplici e di cuore, e l’assistenza ad una  casa famiglia con 7 adolescenti e 2 famiglie indigenti.

Movimenti identitari, circoli sportivi, associazioni, uomini impegnati politicamente che  effettuano le loro donazioni, sono tra le tante persone coinvolte, ma la cosa davvero importante, e’ che le persone povere, le meno agiate, sono proprio quelle che ancor più di altre, offrono il proprio contributo.

Questi gesti concreti vanno ad aggiungersi, a quelli dei collettivi, dal Rione Traiano a Scampia, dove si lotta in una “trincea” irta di contraddizioni, ma dove si respira il cambiamento di un popolo che reagisce senza far notizia.

Alberto Guarino

Continua a leggere
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.