Stai in contatto

Sputtanapoli

SPUTTANAPOLI DEL CORRMEZZ / Bentornato (si fa per dire) Macry. Diffamatore professionista dei napoletani

Pubblicato

il

paolo macry

Due giorni fa, sul corriere del Mezzogiorno è apparso l’ennesimo esercizio diffamatorio-dilettantistico, a firma di Paolo Macry, dal titolo emblematico “Se il Sud illegale vota gli sceriffi”.

Prima di entrare nel merito della questione, ci chiediamo per quanto tempo ancora i pennaruli di regime continueranno a sdoganare i soliti, vecchi stereotipi a cui non credono neanche più i leghisti. In un’Italia tutta a trazione tosco-padana che va sempre più a picco, che ha visto MILIARDI fagocitati da Expo, MOSE, Banche toscane, Mafia Capitale e decine di altre macchine succhia soldi, che registra tassi RECORD di disoccupazione e fallimenti vari, che è la barzelletta del mondo intero, ci vuole un gran coraggio a fare affermazioni come queste. D’altra parte, se fossero liberi pensatori (e scrittori) non sarebbero gli ascari che sono.

Entriamo nel vivo della questione, dunque. Il pennarulo scrive: “Sei settimane fa, gli elettori hanno scelto per Palazzo Santa Lucia un ex sindaco diventato famoso per le ronde securitarie che organizzava nella sua città, uno che vuole mettere in riga i fannulloni e i corrotti, che parla di etica spartana, che mostra il bastone più della carota. Regioni e Municipi meridionali, d’altra parte, sono spesso andati a magistrati d’assalto, campioni dell’antimafia, leader che promettevano di «scassare» la politica e i partiti. Come de Magistris, Emiliano, Orlando, Crocetta. E sebbene si tratti di personaggi diversi tra loro, e tutti diversi da De Luca, una cosa li accomuna: l’apparente sintonia con un elettorato pronto a offrirsi al leader carismatico di turno.”

Intanto, facciamo pace coi pensieri. Se l’elettorato “meridionale” ha eletto chi, realmente o solo a parole, ha fatto della legalità – in modo per noi discutibile, ma questa è un’altra storia – il suo cavallo di battaglia in campagna elettorale è perchè, da queste parti, si ha realmente fame di legalità. E non per i motivi addotti da Macry, in perfetto stile terrone-leghista, ma perchè, dalle nostre parti, 154 anni fa il nascente STATO ITALIANO strinse accordi con la malavita organizzata: voi ci garantite il controllo del territorio e noi vi facciamo fare tutti i vostri comodi. Così è stato e così continua ad essere.

E ricordiamo anche al pennarulo che gli eroi della lotta alla Mafia, le vittime di tutte le Mafie, a parte rare eccezioni, sono SOLO ED ESCLUSIVAMENTE MERIDIONALI. Il che significa che, nonostante l’accordo Stato-Mafia sancito un secolo e mezzo fa, esiste un Sud, UNICO avamposto di resistenza in Italia, che la criminalità la combatte, perdendo vite, spesso giovanissime, mentre il “civile ed avanzato” Nord ci fa affari insieme, come ci fa sapere Raffaele Cantone, presidente dell’Autorità nazionale anticorruzione, napoletano D.O.C.

“La domanda è se certe sintonie siano fruttuose. Se cioè De Luca potrà contare sull’opinione pubblica che l’ha eletto o non dovrà guardarsene (e magari mettere mano alla fondina). Una cosa infatti va detta, con buona pace di tutti i leghismi sudisti e i meridionalismi progressisti: governare il Mezzogiorno è molto difficile, perché spesso i meridionali non hanno spirito civico, non rispettano le regole, non producono beni pubblici.”

Il sud ha un problema. Un problema grande. Ma non è il suo popolo, bensì la sua cosiddetta “Intelligencija ” (ma lo sarà davvero?) . Dai tempi di Masaniello, passando per il 1799, il 1860 fino ai giorni nostri, le “penne” meridionali sono sempre state al soldo del padrone “forestiero”. Sempre. Senza questi, non si sarebbe potuta influenzare l’opinione pubblica come fatto finora.

E se lo stesso Luigi Settembrini, deluso da quelli venuti dopo i “cattivi” Borbone, disse che Ferdinando II avrebbe dovuto tagliare molte teste a cominciare dalla sua, c’è da crederci. E, d’altra parte, Macry e il “suo” corriere ne sono un esempio: dov’è il portafogli? A Milano, naturalmente.

Sul non produrre beni pubblici, poi, non possiamo far altro che ridere. Che diamine vuol dire “BENI PUBBLICI”? Se sono pubblici, li deve produrre LO STATO. Ma di uno Stato che non investe soldi nelle infrastrutture e lascia intere regioni nell’isolamento perchè “al Sud ci sono le pietre” non c’è neanche tanto da dire. Criminale, lui e chi lo sostiene.

“Lo dicono da decenni i vituperati scienziati sociali americani.”
Veramente, no, non dicono questo. Luttwak, ad esempio, nel capitolo “Secessione” del libro “INTERVISTA A EDWARD LUTTWAK” di Gianni Perrelli lo dice chiaramente: la sola possibilità di riscatto per il Sud è l’INDIPENDENZA dall’Italia. Sic et simpliciter. E, sebbene si dica contrario ai “leghismi” (come se nel mondo il separatismo fosse rappresentato da quattro legaioli cornuti, sorseggianti buon piscio del Po…) alle stesse conclusioni è arrivato, negli anni, anche PAOLO SAVONA.

“L’ha scritto Giorgio Bocca, provocando grande sdegno. “

Citare Bocca, poi…un ex NAZISTA, promulgatore delle leggi razziali, membro del GUF, PRIMA fascista e POI partigiano, riciclato della peggior specie, apertamente sostenitore della Lega, che definì il grande Carlo III di Borbone “RE MERDA” e che arrivò persino a sostenere che le Brigate Rosse fossero un’invenzione di Media e servizi segreti…se queste sono le sue fonti, ci può solo dispiacere per lui…

“Ma lo denunciavano, più di un secolo fa, Fortunato o Franchetti.”

Naturalmente, omettiamo (per ignoranza o malafede?) ciò che sostenevano Salvemini, Gramsci, Dorso, Don Luigi Sturzo e persino l’ITALIANISSIMO Nitti, eh?

” Il Sud è povero di capitale sociale, sleale nei confronti dello Stato e del resto degli italiani, poco cooperativo.”

Sleale verso chi? Uno Stato che si è COMPLETAMENTE disinteressato del Sud? Verso “fratelli d’Italia” che ci augurano OGNI GIORNO di essere sterminati dalle eruzioni di Etna, Vesuvio o da terremoti e colera? E che, per DECENNI, hanno sotterrato i loro rifiuti mortali sotto il nostro naso, fregandosene delle migliaia di persone-e BAMBINI- che continuano a morire per questo? La doppia morale italiota…

” Il che significa, in concreto, che l’evasione fiscale è più del doppio di quella del Nord. “

Davvero? A noi risultano ben altri dati. Ad esempio, i numeri del MINISTERO ECONOMIA E FINANZE, i quali ci dicono che:” Il 52% dei 91 miliardi di euro di possibile evasione in Italia si attesta al Nord, dove il tax gap di Iva, Ires, Irpef e Irap è di 47,6 miliardi, contro i 24 miliardi del centro (26% del totale) e i 19,8 miliardi del Sud (22%)”. E potremmo citarne decine di fonti ma, al momento, suggeriamo un ripassino dei dati REALI, al di là dei luoghi comuni che un giornalista non dovrebbe permettersi…

“Che, dalla Tarsu ai bus, la maggioranza degli utenti pratica il cosiddetto free riding.”
La TARSU. Cioè, quella tassa “sulla spazzatura” a cui dovrebbero corrispondere servizi adeguati? Abbiamo tutti presente lo SCEMPIO dell’emergenza rifiuti in Campania, credo. Un’intera regione AVVELENATA dai rifiuti tossici dei civilissimi tosco-padani e massacrata da uno Stato compiacente che non ha saputo far altro che disporre discariche ILLEGALI (persino nel Parco nazionale del Vesuvio!) e drenare fondi destinati ad altri scopi. Dato che cita la TARSU, saprà anche che a Napoli la Tarsu pagata ogni anno è di 529 euro a famiglia , la PIU’ ALTA in Italia, contro una media nazionale di 253 euro a famiglia, e cioè circa la META’. E ora, ci dica, chi è il TRADITORE? Chi non paga una tassa i cui benefici vanno, evidentemente, altrove o chi pretende una tassa a fronte di servizi ZERO? E’ dignitoso far vivere milioni di persone in mezzo a rifiuti, discariche ed inceneritori? Gandhi praticava la DISOBBEDIENZA CIVILE. Si faccia una domanda e si dia una risposta.

“Che i nuclei familiari i quali richiedono, sulla base di un’autocertificazione, prestazioni sociali agevolate sono il 17% nel Nord-Est e addirittura il 60% in Campania.”

Sa com’è…nei posti in cui il PIL corrisponde a MENO DELLA META’ di quello del centro-nord, può accadere di essere affetti da quella terribile malattia che si chiama POVERTA’…Ancora una volta, si attribuiscono al popolo le responsabilità di politiche economiche e sociali disastrose. FORSE, se questo Stato a trazione leghista la smettesse di affamarci…

“Che le ore di permesso per malattia o le pensioni di invalidità non si contano. E significa, naturalmente, che qui vivono i campioni indiscussi delle pratiche corruttive, delle estorsioni, dell’abuso d’ufficio.”

Anche qui…dilettantismo puro. Eh sì, perchè le Regioni col più alto tasso di revoca delle prestazioni (perchè è quello il parametro per stabilire seriamente se un invalido è “falso”) ci sono la Sardegna col 53% e l`Umbria col 47%. La Campania, purtroppo, è “solo” terza. Ovviamente, i dati non tengono in nessuna considerazione la densità abitativa, le condizioni socio-economiche delle aree in esame e le altre considerazioni che andrebbero fatte. Mentre la capitale delle cosiddette “baby pensioni” ci risulta essere il produttivo Nord…

Ciò detto, dato che non esiste un gene del malaffare, si continuano ad esaminare gli effetti e MAI le cause. Alla faccia di tutte le analisi sociologiche degne di questo nome.

“Ebbene, bisognerebbe chiedersi perché mai questa stessa società irregolare e illegalista sia sempre pronta a portare in trionfo i propri eroi con le stellette. Sedotta dall’uomo forte. Paradossalmente giustizialista.”

Questo dovrebbe chiederselo il pennarulo o, meglio, dovrebbe trovare risposte un po’ più articolate di quelle fornite…

“Per un rigurgito di moralità pubblica, cinque secoli dopo Lutero, o non piuttosto per l’equivoco autoassolutorio di un messaggio demagogico e populista già visto tante volte nei Sud del mondo?”
Elena Ciccarello del ” fatto quotidiano”, in un articolo molto dettagliato (http://www.ilfattoquotidiano.it/2014/02/24/mafia-e-politica-al-nord-ecco-la-mappa-74-casi-il-record-a-milano-con-18/888030/ ) scrisse che “Le indagini realizzate dal 2009 al 2013 indicano che il 20 per cento dei cittadini di Piemonte, Liguria e Lombardia, ossia 1 su 5, è stato amministrato o rappresentato da almeno un politico accusato di affiliazione o concorso esterno in associazione mafiosa. Circa 75mila abitanti del nord-ovest dal 2011 vivono in un comune sciolto per mafia. E in questo quadro la provincia di Milano, con quella di Torino e Genova, risulta l’area in cui più forte è il tentativo di condizionamento dei risultati elettorali “.

E, nel 2011, Roberto Saviano ricordò a tutti gli italiani che le giunte di Bordighera e Ventimiglia, in Liguria e non nel profondo Sud, furono sciolte a pochi mesi di distanza per MAFIA. Ora, a meno che il Nord non sia sotto dittatura e non lo sappiamo, quella classe politica è stata eletta da civili ed onesti cittadini nordici. E, per favore, non tirate sempre in ballo i Borbone, i “leghismi da Sud” e sciocchezze simili.

Se non riuscite a comprendere il fatto che il Sud ha alzato la testa e non è più disposto a farsi infangare dal padrone ed i suoi ascari scodinzolanti, vi consigliamo di farvi un bagno di umanità, in mezzo alla gente reale, con problemi reali, al di là dei vostri nauseabondi luoghi comuni . Non ci avrete più come ci volete. Fatevene una ragione e se proprio vi scappa di parlare del Sud, fatelo con cognizione di causa e serietà. La gestione fallimentare e i conti perennemente in rosso dei giornalacci ascari dovrebbero essere uno spunto di riflessione soprattutto per voi: non vi crede più nessuno. Siete carta straccia e null’altro.

Drusiana Vetrano

Continua a leggere
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.