Stai in contatto

Battaglie

SPUTTANAPOLI MADE IN RAI / Giletti e Salvini all’Arena: lezioni di razzismo antinapoletano

Pubblicato

il

gilletti

Servizio pubblico sempre più indecente.

Ieri, all’Arena di Massimo Giletti, è andata in onda una bagarre indegna. In studio, si parlava dei biglietti omaggio per il San Paolo ai consiglieri del Comune di Napoli. Tra parentesi, i biglietti omaggio per lo stadio, il teatro ed i vari eventi sono un benefit di cui usufruiscono le autorità di tutte le città d’Italia, ma a Napoli la cosa fa scandalo come sempre. Dapprima, va in onda un servizio ridicolo a firma di tale Rosanna Sferrazza.  La sedicente giornalista si aggira fuori allo stadio San Paolo alla ricerca di qualche “carica” comunale e si imbatte in Sandro Fucito (SeL), assessore al Patrimonio di Napoli. Visibilmente esasperato, Fucito strappa il biglietto in faccia alla Sferrazza. E l’Arena si apre proprio su Fucito, in collegamento da Napoli. Sin dalle primissime battute era chiaro come il sole l’intento di ridicolizzare e stigmatizzare la “questione biglietti”.

In studio, Matteo Salvini che, spalleggiato da Giletti,  ha dato fondo a tutto il suo repertorio antinapoletano, sottolineando le parole di Fucito con cose tipo “uè uè”, gesti da tarantella ed un simpatico “toni da savana”. Neanche Totò e Peppino sono stati risparmiati in questo indecente festival del luogo comune. Tra gli astanti, una Rita Dalla Chiesa che non faceva altro che ridere alle battute del legaiolo, la piddina Alessia Rotta (nomen omen…) che annuiva ai quintali di sterco che il legaiolo e Giletti lanciavano su Napoli. E, come spesso accade, il “negro da cortile” impersonato da Carlo Iannello di Ricostruzione Democratica, che non ha speso UNA sola parola in difesa della città partenopea.

Il dibattito va avanti, tra battute e stereotipi. E gli animi si scaldano. Dopo aver zittito uno scalmanato Fucito che essendo in collegamento non aveva un buon audio, i Gianni e Pinotto della rete ammiraglia hanno cominciato a tirare fuori di tutto: da una fantomatica emergenza rifiuti all’immancabile e versatile camorra, dalla presunta incapacità dell’amministrazione locale (guardare in casa propria mai, eh?) alla “veemenza da tifoso della curva B”.

In particolare, Salvini incalza Fucito:” “Caro assessore, puoi anche andare alla partita dopo che hai ripulito la città dalla monnezza e dopo che hai tolto i 5000 camorristi dalle case che occupano abusivamente “. Fucito, tra le altre cose, ha risposto a Salvini che quando viene a Napoli frequenta teppisti di ogni genere e paga una claque, cosa che abbiamo documentato anche noi di Identità Insorgenti. Accuse lasciate cadere ad arte dal Giletti, naturalmente.

Ad un certo punto, interpellato, il consigliere comunale Antonio Crocetta (Psi) fa perdere letteralmente le staffe a Giletti quando dice: “Perché non aboliamo anche la tribuna delle autorità e mandiamo il prefetto nella curva A o B? Dobbiamo parlare degli investimenti che non si fanno nel Sud, però lei non ne può parlare . Voi non fate questo tipo di interventi perché la Rai non vuole parlare del Meridione. Voi trattate solo problemi minimalisti. Lei sta facendo campagna elettorale, Giletti. Il governo è assente su Napoli”. E lì, visibilmente alterato, Giletti si lancia nel più VERGOGNOSO degli spettacoli : ” “Non glielo permetto. La Rai ha gente che fa un lavoro straordinario. Voi iniziate a far andare avanti la vostra città che è indecorosa, in certi punti. Se lei esce dalla centrale della stazione trova immondizia in tutti i vicoli. I napoletani subiscono gli effetti di una politica molto scarsa. Lei non dia regole alla Rai, che ha fatto un grande lavoro andando a raccontare con film e fiction i problemi della camorra”.

Ma anni e anni di denunce dello sport più praticato in Italia, “SputtaNapoli”, cominciano a dare i loro frutti. I social sono impazziti. La rete è in protesta. E anche la politica sembra essersi risvegliata all’improvviso, proprio grazie alle pressioni dei cittadini napoletani, stanchi di assistere a queste vergognose campagne diffamatorie.

SeL presenterà un’interrogazione parlamentare, come fa sapere il coordinatore campano Carlo Giordano.

Roberto Fico, presidente della commissione parlamentare di vigilanza Rai, vaglierà se portare all’attenzione del direttore di Rai 1 ed avviare un’interrogazione in commissione vigilanza, e intanto dichiara:” Giletti non è nuovo a queste modalità di conduzione: se non è d’accordo su un tema perde il lume della ragione e sbraita contro tutto e tutti. A me non sembra un segnale di dignità per la televisione pubblica. È almeno la terza volta che sul tavolo della commissione arriva questa lamentela. Quanto a Napoli, ha anche centinaia di lati positivi e io voglio che vengano giustamente valorizzati”.

E Mario Coppeto, Presidente della V Municipalità Vomero/Arenella, scrive a Giletti: “Non hai la serenità per condurre” e aggiunge: “Si rimangi quell’insulto offensivo”.

Noi ci auguriamo che tutte le istituzioni cittadine e tutte le “celebrità” nate dal ventre di questa città decidano di alzare la testa e combattere attivamente questi fenomeni di inciviltà infinita che ormai tutti conoscono come SPUTTANAPOLI…

Drusiana Vetrano

Continua a leggere
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.