Stai in contatto

Sputtanapoli

SPUTTANAPOLI “SPECISTA” / Se per qualcuno un cavallo vale più di un napoletano

Pubblicato

il

cavalli sul lungomare

Vi abbiamo documentato tante volte il razzismo verso i napoletani e lo abbiamo fatto in tanti modi. Ci siamo imbattuti nel razzismo di soubrettine in cerca di visibilità, di vecchi tromboni in odore di alzheimer, di vecchie signore inacidite, di politicanti etilici e di marchettaeri vari ed eventuali.

Ma mai, prima d’ora, avevamo pensato di poter parlare di specismo. Per chi non lo sapesse, lo specismo è “l’attribuzione di un diverso valore e status morale agli individui a seconda della loro specie di appartenenza”. Il termine fu coniato nel 1970 dallo psicologo britannico Richard Ryder, per calco da razzismo e sessismo, con l’intento di descrivere in particolare gli atteggiamenti umani che coinvolgono una discriminazione degli individui animali non umani, inclusa la concezione degli animali come oggetti o proprietà. Il termine viene usato comunemente nel contesto della letteratura sui diritti animali, per esempio nelle opere di Peter Singer e Tom Regan”.

Eh sì, perché quello che stiamo per raccontarvi, appare evidente una cosa: per i sub-umani difensori degli animali che stiamo per presentarvi, i napoletani sono una sottospecie indegna persino di vivere. Insomma, fatti ammazzare per un cavallo ma getta pure fango su chi, da Napoli, si batte nello stesso identico modo per gli animali. Tanto “so’ napoletani”.

Il fatto: nei nostri “giri” quotidiani, casualmente ci imbattiamo nella pagina di un’associazione animalista, dal nome di ” Horse-Angeles” e con sede vicino Cesenatico. Andiamo a guardare e notiamo che gli angeli dei cavalli, così sensibili nei confronti di questo splendido animale (peraltro, simbolo di Napoli sin dall’antichità) è, in realtà, una pagina di feroci antinapoletani.

In soli due giorni, abbiamo contato più di venti topic riguardanti non il mondo illecito che gira intorno ai cavalli (a Napoli come nel resto del mondo) ma uno sputtanamento continuo della città partenopea, definita più volte, “NAPOLI CAMORRA CAPITALE”. Addirittura, attacchi al sindaco di Napoli per non si sa quali motivi ed all’Ippodromo di Napoli, reo di essere, secondo loro, un covo di camorristi. Sarebbe impossibile riportare tutti i topic con relativi commenti. Ne riportiamo uno solo, per dare la misura di quanto detto finora:

Horse-Angels 21 aprile alle ore 17.26 ·
“Se poi al Sindaco di Napoli rimane qualche soldino nel bilancio, anziché lanciarsi, come sembrerebbe, dopo le corse su strada, nella promozione di un palio “ex novo” “stile toscano” in qualche piazza napoletana, visto non va più di moda “tenere la pancia vuota del popolo”, ma offrire uno spettacolo in arena per placare gli animi, perché non investe la plusvalenza di bilancio, se ne ha una, per contrastare la prostituzione minorile, in piazza, alla luce del giorno? Napoli ha problemi enormi senza che si vadano a sprecare denari pubblici per la promozione di palii e corse di cavalli su strada e/o su piazza. E se proprio ha bisogno di distrarre il popolo affamato, perché non si riescono a risolvere i problemi strutturali, che punti allora ai gladiatori in arena in chiave moderna, tipo wrestling americano, che almeno sono pagati per finti combattimenti… e lasci perdere i cavalli, che Napoli ancora non ha dimostrato di saper fare valere le norme italiane sulla tracciabilità degli equini, i codici di stalla, il possesso responsabile, il ricollocamento a fine carriera di cavalli sportivi non macellabili, il contrasto al maltrattamento e alle corse clandestine”.

Ogni ulteriore commento sarebbe veramente superfluo. Possiamo solo certificarvi una cosa: le BESTIE, su quella pagina, non sono i cavalli…

Drusiana Vetrano

Continua a leggere
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.