Stai in contatto

Identità

STORIA E IDENTITA’ / Botti di Capodanno? Sui giornali napoletani erano “ausanze sceme” anche 150 anni fa

Pubblicato

il

botti capodanno immagine giornale 1861

Si dice che sparare i botti a capodanno sia un’usanza antichissima, risalente al paganesimo: all’epoca si riteneva che i forti rumori servissero per scacciare gli spiriti maligni.
Questa usanza si è, purtroppo, conservata nei secoli ed è giunta fino ai giorni nostri.
Ogni anno il 1° gennaio bisogna contare i feriti e i danni causati da questa  abitudine deplorevole.
Grazie a una maggiore sensibilità anche animalista, poiché i botti terrorizzano i nostri amici a quattro zampe, il “consenso sociale” intorno ai “botti” è però sempre minore.
Ma se l’origine dei botti affonda nella notte dei tempi, anche le crociate contro i botti vantano una lunga tradizione. Qualche giorno fa sfogliando “Lo Cuorpo de Napole e lo Sebbeto” in particolare il secondo semestre del 1861 per fare una ricerca su quel fatidico periodo storico, mi sono imbattuto in un breve articolo su alcune “ausanze sceme”.
Ausanze sceme da abbandonare se non velocemente per lo meno gradualmente. Purtroppo a distanza di tanto tempo questa “ausanza scema” esiste ancora, ma vi conviene fare gli scemi, buttare i vostri soldi per sentire “tù tutù, tuterutù, mbù, mbà” e mettere a rischio la vostra salute e quella del prossimo? Pensateci e non comportatevi da scemi ! Ausanze sceme E pur’è bero, nuje tenimmo cierte ausanzie che fetono de scannaturate nganna, e che sarria tiempo de levarcele da tuorno, si nò ntutte, a lo mmanco no poco la vota. Una de cheste verburazia è chella de lo sparo de li mortalette e le mmaschiate, comme dicimmo nueje. Che bene a ddicere ogne festa e festicciolla, tù tutù, tuterutù, mbù, mbà”.
Vincenzo D’Amico
Continua a leggere
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *